Fisco: stop agli adempimenti ed ai versamenti

15 Marzo 2020
Fisco: stop agli adempimenti ed ai versamenti

Sospensione integrale delle scadenze fino al 31 maggio ed esenzione dai prossimi pagamenti per i contribuenti di dimensioni minori: così il nuovo Dl fiscale.

Per fronteggiare l’emergenza economica del coronavirus, arriva il blocco degli adempimenti tributari e dei versamenti fiscali: dopo l’annuncio dell’Agenzia delle Entrate per la sospensione dei pagamenti previsti per il 16 marzo, ora la bozza del decreto legge Covid-19 atteso stasera in Consiglio dei ministri per l’approvazione, prevede lo stop integrale degli adempimenti tributari fino al 31 maggio.

Secondo le anticipazioni fornite dall’agenzia stampa Adnkronos, il provvedimento in arrivo sospenderà per tutti i contribuenti gli adempimenti tributari, diversi dai versamenti e diversi dall’effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, per il periodo dall’8 marzo al 31 maggio 2020. Gli adempimenti sospesi andranno effettuati entro il 30 giugno 2020.

Per quanto riguarda i versamenti, invece, la bozza del decreto legge stabilisce delle soglie di esenzione: ci sono specifiche previsioni per sostenere i titolari di partita Iva di minori dimensioni, individuati in base ai ricavi o ai compensi non superiori a 2 milioni di euro nel periodo di imposta precedente, per i quali le vigenti misure di contenimento della diffusione del virus Covid-19 hanno determinato una maggiore contrazione dei ricavi e dunque di incidenza sulla liquidità disponibile per fronteggiare i pagamenti.

Per questi soggetti, si legge nella relazione tecnica della bozza, “è consentito di non procedere ai versamenti, in scadenza nel mese di marzo, relativi alle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilato, relativi alle trattenute dell’addizionale regionale e comunale, relativi all’imposta sul valore aggiunto e relativi ai contributi previdenziali e assistenziali, nonché ai premi per l’assicurazione obbligatoria”.

Anche sul fronte della successiva ripresa della riscossione, i versamenti tributari sospesi delle partite Iva che beneficiano della moratoria fiscale per l’emergenza coronavirus andranno effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020 ovvero mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube