Coronavirus, la speranza in un farmaco per i polmoni

16 Marzo 2020
Coronavirus, la speranza in un farmaco per i polmoni

Combattere il Covid-19 come si combatte la sindrome da insufficienza respiratoria. È l’idea che circola in queste ore negli Stati Uniti.

Forse c’è una nuova speranza di debellare il Coronavirus tramite medicinali. Si sta pensando di utilizzare un farmaco per la cura e la prevenzione delle lesioni polmonari acute contro la sindrome da insufficienza respiratoria. Ne dà notizia la nostra agenzia di stampa Adnkronos, che afferma che il farmaco in questione è al centro di un dossier presentato dall’azienda canadese Algernon Pharmaceuticals presso la Fda statunitense.

“L’azienda – si legge su una nota dell’agenzia, che riporta a sua volta un comunicato della Fda – ha depositato una domanda per avviare l’iter ufficiale sull’uso della nuova formulazione brevettata iniettabile e a rilascio prolungato dell’Ifenprodil, nonché sull’uso della fornitura dei farmaci attualmente disponibili per la sperimentazione clinica negli Stati Uniti in situazioni di emergenza. La documentazione include l’iter per l’uso compassionevole del prodotto”.

“La decisione di presentare una richiesta alla Fda – è scritto in una nota della società farmaceutica – segue i risultati di uno studio indipendente condotto sui topi infettati da H5N1, dal quale è emersa una riduzione considerevole delle lesioni polmonari e un aumento del 40 per cento della sopravvivenza”.

“Si tratta di una tappa importante per la nostra azienda – dice Christopher J. Moreau, presidente e direttore generale di Algernon Pharmaceuticals, le cui dichiarazioni sono riportate da Adnkronos – perché siamo fermamente convinti, sulla base dei dati finora ottenuti su un altro tipo di infezione virale, che l’Ifenprodil possa essere un trattamento efficace per il Covid-19. Informeremo prontamente il mercato sulle risposte e le direttive che avremo dalla Fda americana, che speriamo, data l’emergenza, siano rapide”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube