Diritto e Fisco | Articoli

Risarcimento sportellata

16 Marzo 2020
Risarcimento sportellata

Incidenti stradali: come farsi risarcire la portiera danneggiata dalla macchina accanto.

Il più frequente caso di incidente stradale – se così vogliamo chiamarlo – è quello della “sportellata”. È capitato a tutti di aprire la portiera dell’auto e di urtare la macchina accanto, a volte rovinandone la carrozzeria, altre solo la vernice. Si può, in questi casi, attivare l’assicurazione e ne vale davvero la pena? Cause in tribunale per risarcimento da sportellata non ce ne sono molte chiaramente, ma i principi affermati dalla giurisprudenza in merito ai danni automobilistici consentono di fare il punto della situazione e di stabilire come muoversi in tali casi.

Sportellata: bisogna fare l’assicurazione?

Chi danneggia un’altra auto, anche se ferma, è tenuto a risarcire il proprietario. 

L’obbligo di risarcimento è un principio generale sancito dal nostro codice civile [1]: «chiunque cagiona ad altri un danno ingiusto deve risarcirlo».

Nel caso in cui il danno sia prodotto durante la circolazione stradale e il responsabile sia un veicolo con obbligo di assicurazione, il risarcimento viene versato dalla compagnia con cui quest’ultimo ha sottoscritto la relativa polizza rc-auto. 

Attenzione: nel concetto di «circolazione» si intendono tutte le fasi ad essa collegate, quindi dalla marcia alla sosta, dal parcheggio all’uscita del parcheggio. Se una macchina è quindi parcheggiata e ferma ha diritto ad essere risarcita se un’altra le procura un danno, sia che quest’ultima fosse in movimento che ferma. 

I conducenti sono tuttavia libera di risolvere la questione bonariamente, senza l’intervento dell’assicurazione. Ciò succede quando i danni sono minimi. L’attivazione della polizia infatti determina sempre un aumento di due classi di merito del cosiddetto “bonus/malus”. Quindi il danneggiante potrebbe ripagare i danni con i propri soldi pur di non vedersi aumentare il premio. 

A tal fine però è necessario che le parti trovino un’intesa sull’entità del risarcimento. Se così non dovesse essere, allora è obbligatorio fornire gli estremi della propria polizza assicurativa. Chi si rifiuta di farlo può essere sanzionato in via amministrativa da 296 a 1.184 euro. In più il danneggiato può comunque risalire alla compagnia tramite un’ispezione al Pra effettuata tramite indicazione della targa.

Giovanni urta l’auto di Francesco. Francesco sostiene che ci sia un danno da mille euro mentre secondo Giovanni l’auto può essere riparata con solo 200 euro. I due non trovano un accordo. Giovanni non si libera dal suo obbligo consegnando a Francesco 200 euro, ma dovrà fornirgli gli estremi della propria assicurazione.

Sportellata: a quanto ammonta il risarcimento?

Non è possibile determinare in astratto a quanto può ammontare il risarcimento da sportellata. Tutto dipende dal tipo di veicolo, dalla vernice, dall’entità del danno. Di sicuro è possibile affermare che il proprietario ha diritto al ripristino del veicolo per com’era prima, tenendo tuttavia conto che, se lo stesso si trovava già in condizioni non ottimali, non è dovuta la riparazione integrale. Bisogna quindi tenere conto dello stato della portiera antecedente all’urto. È tuttavia il danneggiante a dover dimostrare che il veicolo presentava già delle evidenti abrasioni o delle rigature. 

Le parti possono tentare di definire la vicenda affidando a una officina terza e imparziale la quantificazione del danno. 

Se l’auto che dà la sportellata scappa, che fare? 

Potrebbe succedere che il proprietario dell’auto si accorga della sportellata quando già il responsabile se n’è andato. In questo caso chi paga? La legge prevede la possibilità di ottenere un risarcimento dal Fondo di Garanzia Vittime della Strada tutte le volte in cui si è subito un danno da un’auto fantasma. Per il risarcimento dei soli danni al veicolo però esiste una franchigia di 500 euro. Quindi per un danno di 600 euro vengono risarciti solo 100 euro; invece per un danno di 450 euro non viene versato alcun risarcimento. 

Per ottenere il risarcimento dal fondo non basta presentare la domanda ma bisogna anche dare prova dell’incidente, della dinamica dell’urto e dei danni. Bisognerà quindi avvalersi di almeno un testimone oculare convincente. Non è necessario presentare una denuncia ai Carabinieri per farsi risarcire dal Fondo di Garanzia. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube