Cronaca | News

Coronavirus: il peggio verrà dopo

17 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: il peggio verrà dopo

Gli effetti economici, sociali e politici della pandemia saranno duraturi e forse irreversibili. Ci aspetta un lungo periodo di recessione e di cambiamenti.

Si intravede una luce in fondo al tunnel ma potrebbe essere un treno in arrivo anziché il sole. Ci troviamo in piena emergenza e contiamo di uscirne al più presto, esprimiamo la nostra capacità di risollevarci da un’epidemia devastante con quel “ce la faremo” che è molto più concreto di una vaga speranza perché poggia sui sacrifici concreti di ognuno.

Il coronavirus non fa perdere la voglia di ricostruire, risollevarsi e riprendere, anzi la aumenta. Tutti non aspettano altro che il momento in cui la pandemia sarà risolta, il virus debellato e si potrà riprendere a lavorare, a produrre, ad uscire di casa, a rialzare le serrande dei negozi, a viaggiare, a incontrare persone.

Ma non sarà più la stessa vita di prima; alla riapertura ci aspettano molti cambiamenti. Il domani potrebbe essere peggio di oggi, nel senso che avremo conseguenze durature e, forse, permanenti del passaggio della pandemia.

Quel piccolo virus incide sui comportamenti e sui modi di pensare. Sta lasciando il segno su tutta la società, non solo sulla salute ed è probabile che non lascerà nulla come prima. Politica, sanità, economia stanno subendo in tutto il mondo un cambiamento profondo, che non si ferma alle abitudini temporanee di un periodo di contenimento come quello che stiamo vivendo e che potrà durare un mese o due al massimo ma estenderà i suoi effetti per molti anni.

È presto per poter dire se si tratterà di rivoluzione ma alcuni segnali si intravedono già. Innanzitutto, l’economia sarà molto meno solida di prima. Già, adesso, sta entrando in recessione e tutti gli esperti prevedono che sarà lunga, perché colpisce quasi tutti i settori e tutto il mondo. La prostrazione renderà molto difficile il rilancio, non solo in Italia.

Chi ne pagherà le conseguenze? Con il blocco pressoché totale della produzione e degli scambi, le casse pubbliche e private saranno presto vuote; da un mese quasi nessuno sta guadagnando, neanche lo Stato che non può incassare i tributi quando il gettito non viene alimentato dal reddito dei contribuenti.

I lavoratori alla ripresa troveranno le loro aziende fortemente indebolite. Ci saranno produzioni ferme, magazzini pieni di merce invenduta. Gli agricoltori e gli allevatori italiani già lo sanno e stanno vivendo la tristezza di vedere i loro eccellenti prodotti alimentari rifiutati. Diversi mercati faranno una fatica enorme a risollevarsi, se ci riusciranno; turismo e trasporti, ad esempio, porteranno i segni permanenti di questa esperienza. Piazze e navi da crociera, pullman e camion, ristoranti e fabbriche non saranno pieni come prima.

L’Europa non aiuterà l’Italia perché in tempi di crisi profonda ognuno pensa per sé; è bastata una dichiarazione shock del presidente della Bce, secondo cui ogni Paese in difficoltà deve arrangiarsi, per provocare il crollo delle Borse più grande di sempre. Riconvertire le produzioni industriali e riprendere la circolazione di persone e merci sarà difficilissimo. Occorrerebbe farlo insieme, tra Stati e in cooperazione, ma di partecipanti convinti non se ne vedono molti.

Ora, si pensa a rafforzare le istituzioni europee ma la strada intrapresa, stando alle proposte che arrivano in questi giorni – dal Mes agli Eurobond ai Fondi di sostegno – rivela il consueto errore, che è quello di cercare di costruire partendo dalla fredda moneta degli scambi, che arricchisce pochi, anziché dal cuore caldo dei cittadini, che sono molti e, nonostante tutto, ancora fiduciosi di farcela.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Diamine ma ci vuole un po’ di ottimismo ! Senno’ ci dovremmo sparare tutti in testa e farla finita.Non sono riuscito nemmeno a finire di leggere un articolo di una tale nefandezza.

  2. Questa analisi è condivisibile solo in parte. Non ci sono state distruzioni fisiche di strutture come avrebbero fatto i bombardamenti di una guerra. E non ci sono state riconversioni importanti di filiere produttive, come accade nel caso di conflitto duraturo.
    Ci sarà solo una lunga pausa forzata che riguarderà tutti. Quindi tutti ripartiranno da posizioni simili a quelle pre-crisi. Tutti, anche chi faceva il furbo lanciando sovraniste accuse di incompetenza all’indirizzo degli italiani, e minimizzando il problema e nascondendo i dati reali come se la cosa non li riguardasse.

  3. Questa lezione insegnerà agli Stati cosa è importante liberalizzare e cosa nazionalizzare. Così è positivo che si stia rinazionalizzando Alitalia, come si dovrebbe fare per ferrovie, energia, autostrade. Ma occorre che non si dia spazio ai furbi. Tra questi gli ordini professionali. Ora si vuole rendere abilitante la laurea in medicina senza il passaggio pretestuoso dell’esame di Stato, e la riforma potrebbe divenire permanente. Perché non farlo anche con l’ordine degli ingegneri, degli avvocati, ecc? Se poi il professionista sbaglia, anzicché essere coperto dall’ordine (la pretesa di offrire un sevizio di qualità all’utenza è solo una scusa per fare corporazione), pagherà nelle sedi opportune e nella giusta misura. Si responsabilizzi il singolo, una buona volta.
    Ed i furbi vanno fermati anche nella finanza. Se è quasi tutto fermo, perché non fermare gli speculatori di borsa, trading e forex? Ogni giocatore troverà al tavolo le stesse carte come le ha lasciate, se non si consente a qualche baro di intrufolarsi durante la pausa.
    L’unico che può e deve intrufolarsi è lo Stato, per eliminare le cancrene e ridare al popolo il controllo sui servizi essenziali.

    1. Giacomo, disanima perfetta, d’accordo su tutta la linea.
      Io credo che rendere STATALI i servizi essenziali è fondamentale ed è un peccato che ce se ne accorga solo in certi momenti. Prendiamo i beni come gas, luce, acqua, sono un bene di tutti ed allora a cosa servono tante aziende a gestirli, ne basta una efficiente e di tutti, dove i responsabili rendano conto, in modo trasparente, a tutti. Spero che questo non venga ridotto ad essere considerato “comunismo” ma volere il bene di tutti è forse un’idea di una sola parte politica o di tutte? se non fosse così, verrebbe da pensare al valore attuale della nostra amata democrazia con la quale dovremmo essere sposati per amore non per convenienza.

  4. non condivido questo articolo. questo è puro terrorismo mediatico. La crisi sarà generalizzata e mondiale per cui tutti dovranno ripartire dallo stesso piano. Non ci saranno nazioni ricche e floride e nazioni povere ma tutti dovranno lavorare ugualmente per risalire la china

Rispondi a Giuliano Tofi Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube