Finanziamenti lampo a chi è in difficoltà per il coronavirus

17 Marzo 2020
Finanziamenti lampo a chi è in difficoltà per il coronavirus

Prestiti fino a tremila euro a garanzia semplificata ed erogazione immediata per imprenditori, commercianti e artigiani danneggiati economicamente dal Covid-19.

Il nuovo decreto Cura Italia varato dal Governo prevede anche, tra le misure di sostegno per contrastare l’emergenza economica derivante dal coronavirus, una corsia agevolata per accedere a vari tipi di prestiti e finanziamenti.

In attesa della pubblicazione del testo sulla Gazzetta Ufficiale, la presidenza del Consiglio dei ministri ha anticipato che “per evitare a imprese e nuclei familiari la carenza di liquidità sono stati previsti numerosi interventi, anche attraverso la collaborazione con il sistema bancario”.

Innanzitutto c’è una moratoria dei finanziamenti già concessi alle piccole e medie imprese, comprese le “microimprese” con uno o zero dipendenti e i lavoratori autonomi, che comprende la sospensione dei mutui, leasing, aperture di credito e finanziamenti a breve in scadenza; poi c’è la possibilità di rinegoziazione dei prestiti esistenti, dove l’Abi, l’associazione delle banche italiane, ha già dato la propria disponibilità.

Ma le esigenze di liquidità immediata ora riguardano anche chi si trova colpito dalle difficoltà provocate dalla chiusura del proprio negozio, esercizio commerciale o attività artigianale e registra l’abbattimento degli incassi. Persone che devono chiedere adesso il primo finanziamento, proprio per fronteggiare l’emergenza attuale.

Sembra che il Governo nel decreto Cura Italia abbia pensato anche a loro: oggi il vice ministro dell’Economia e delle Finanze, la pentastellata Laura Castelli, fornisce un importante chiarimento sui contenuti del provvedimento in arrivo, per come ci comunica l’agenzia stampa Adnkronos.

“Sto ricevendo molti messaggi da autonomi e commercianti che in queste ore hanno assegni in scadenza. Abbiamo pensato all’esigenza di coprire scadenze immediate, eventuali cambiali, carte di credito, assegni. Nel Decreto abbiamo inserito una forma di garanzia, semplificata e senza valutazioni, per l’erogazione immediata di finanziamenti a 18 mesi di importo fino a 3mila euro per persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni assoggettate la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza Covid-19. Andate presso le vostre banche e chiedete di usare questo strumento”.

Il messaggio del vice ministro Castelli è stato diffuso anche sulla sua pagina Facebook. Leggi anche Decreto Cura Italia: tutte le nuove misure economiche“.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube