Coronavirus: l’autocertificazione per chi viaggia in treno

18 Marzo 2020
Coronavirus: l’autocertificazione per chi viaggia in treno

Le Fs hanno realizzato una App per compilare il modulo di autodichiarazione da esibire agli organi di controllo.

Per semplificare la vita a tutti coloro che in questo periodo di emergenza Coronavirus sono costretti a viaggiare in treno, soprattutto per motivi di lavoro, e devono dotarsi dell’autocertificazione – puoi scaricare da qui il nuovo modulo  – il Gruppo Fs – Ferrovie dello Stato Italiane – ha realizzato una App che consente di compilarlo e di esibirlo agli operatori addetti ai controlli.

Chi si sposta senza l’autodichiarazione o non espone validi motivi per essere uscito di casa rischia la sanzione penale dell’arresto fino a tre mesi o della multa fino a 206 euro ma può anche rendersi responsabile di reati più gravi, se è quarantenato o è risultato positivo al test Covid-19.

In un comunicato diffuso dall’agenzia stampa Adnkronos, Fs spiega che “il download dell’App – Autocertificazione Fs – è già disponibile attraverso lo store ufficiale Android e presto, per i dispositivi Apple, tramite lo store iOS. Ke stesse funzionalità sono anche disponibili da browser all’indirizzo https://autocertificazione.fsitaliane.it”.

L’app consente di inserire i dati da autodichiarare e di generare un file in formato Pdf, da stampare e mostrare agli operatori di polizia che effettueranno i controlli a bordo treno o nelle stazioni. Infatti l’autocertificazione online non è valida, può essere compilata in digitale ma poi deve essere sempre stampata, sottoscritta e consegnata in originale ai controllori.

Per rispettare la normativa sulla privacy, Fs assicura – si legge nella nota – che “I dati raccolti nel modulo non vengono conservati sui server aziendali. Una volta effettuato il download della dichiarazione vengono cancellati”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube