Multe: più tempo per pagarle in forma ridotta

19 Marzo 2020 | Autore:
Multe: più tempo per pagarle in forma ridotta

Il decreto Cura Italia, approvato per l’emergenza coronavirus, allunga la scadenza per le sanzioni al 30%. Proroga anche per rinnovare l’assicurazione Rc auto.

I soliti 5 giorni per poter pagare una multa in forma ridotta diventano 30. Lo prevede il decreto Cura Italia, approvato dal Governo nell’ambito dell’emergenza coronavirus e pubblicato martedì 17 marzo in Gazzetta Ufficiale.

Questa sorta di proroga ha, però, una scadenza: il 31 maggio 2020. Fino a quella data, si potrà pagare una sanzione per violazione al Codice della strada nella misura ridotta del 30% fino al trentesimo giorno successivo alla notifica del verbale e non fino al quinto giorno, come accade normalmente.

Non è l’unica novità che riguarda gli automobilisti. È stata prorogata di altri 15 giorni la validità della polizza Rc auto scaduta. Significa che il rinnovo dell’assicurazione deve avvenire non entro 15 giorni dalla data di scadenza ma entro 30 giorni. Inoltre, slitta di 60 giorni il termine dato alle compagnie assicurative per formulare l’offerta o la motivata contestazione in caso di intervento di un perito o del medico legale ai fini della valutazione del danno alle cose o alle persone a seguito di un incidente. Entrambe le proroghe sono in vigore fino al 31 luglio 2020.

A proposito di proroghe, ce ne sono diverse per quanto riguarda la gestione dei rifiuti. Quella che più interessa ai cittadini è lo slittamento al 30 giugno delle delibere comunali per fissare l’importo della Tari. Poi, ci sono anche quelle relative alla dichiarazione ambientale Mud, alla comunicazione dei produttori alle Camere di commercio dei dati su pile ed accumulatori immessi sul mercato e, infine, alla comunicazione da parte dei titolari di impianti di trattamento Raee sulle quantità di rifiuti trattati.

Tra le conferme: il rifinanziamento per 400 milioni dei contratti di sviluppo; la proroga della nomina dei nuovi vertici di Authority tlc e Privacy (fino a 60 giorni dopo la cessazione dello stato di emergenza); l’obbligo fino a giugno per i postini di lasciare anche raccomandate, assicurate e pacchi nelle cassette postali; la proroga al 31 agosto della validità dei documenti scaduti o in scadenza dopo il 23 febbraio 2020.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube