Cronaca | News

Coronavirus: truffa farmaci, indagini in corso

19 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: truffa farmaci, indagini in corso

Oscurato un sito web che vendeva farmaci anti Covid-19. L’operazione è condotta dalla Guardia di Finanza di Firenze.

In questo clima di forte preoccupazione per il contagio del Coronavirus, non mancano le persone senza scrupoli che fanno leva sui timori della popolazione per proporre la vendita di dispositivi di protezione individuali (come mascherine e gel disinfettanti) a prezzi elevatissimi. Ma non finisce qui.

I militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Firenze, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Speciale Antitrust, hanno proceduto al sequestro ed al conseguente oscuramento di un sito web che pubblicizzava e commercializzava online un farmaco antiretrovirale da utilizzare per il contrasto al coronavirus.

I promotori sono indagati “per truffa aggravata, somministrazione di medicinali senza autorizzazione ed in modo pericoloso per la salute pubblica e esercizio abusivo della professione di farmacista”. E’ quanto riporta una nota stampa dell’agenzia Adnkronos.

Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Giovanni Solinas della Procura della Repubblica di Firenze.

Vendita online farmaci

La vendita on line è consentita solo per i farmaci senza obbligo di prescrizione, cosiddetti Sop, che comprendono i farmaci da banco, anche detti Otc (Over The Counter), qualificabili come i medicinali da automedicazione e che, come tali, sono solitamente indicati per disturbi di lieve entità.

Il medicinale, di produzione estera, era proposto in vendita al prezzo di oltre 640 euro per ogni confezione da 120 pillole. Il tempestivo intervento della Gdf ha consentito di impedire l’imminente attivazione di altri due siti finalizzati a pubblicizzare prodotti analoghi.

Il farmaco, spiegano gli investigatori, era presentato “utilizzando una forma lessicale alquanto imprecisa ed approssimata, che tuttavia era tale da ingenerare potenziali ed erronee aspettative nei riguardi dei possibili acquirenti”.

In particolare, i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Firenze hanno rilevato come le modalità di promozione, offerta e commercializzazione del farmaco non fossero compatibili con le previsioni della normativa nazionale. Questa non consente la libera vendita on line per quei farmaci – come quello offerto sul web – che richiedono la prescrizione medica.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube