Questo sito contribuisce alla audience di
Lifestyle | News

Coronavirus, i consigli per una perfetta pulizia

19 Marzo 2020
Coronavirus, i consigli per una perfetta pulizia

Come disinnescare il Covid-19. La cattiva notizia è che se si attacca a una superficie dura anche 9 giorni. La buona è che per neutralizzarlo basta un minuto.

Olio di gomito e i prodotti giusti: per impedire al Coronavirus di annidarsi in casa e in ufficio basta sapere come fare. Ce lo dice l’Almanacco della scienza, mensile a cura del Consiglio nazionale di ricerca. Tre le ricette fornite dagli esperti per un’accurata pulizia degli ambienti a prova di Covid-19. Perché è vero che il virus è ostinato e può intaccare una superficie anche per nove giorni, ma in appena un minuto può essere messo fuori gioco. Vediamo come. E teniamo presente che deve essere oggetto di pulizia tutto ciò che tocchiamo con maggior frequenza: tavoli, ripiani, scrivanie, maniglie, interruttori. Le preparazioni liquide vanno tenute rigorosamente fuori dalla portata dei bambini, in contenitori ben riconoscibili e distinguibili da quelli per le bevande e non vanno mai usate sulla pelle.

Alcol e acqua

A illustrare le ricette per un’adeguata sanificazione casalinga all’Almanacco della scienza è Matteo Guidotti, dell’Istituto di scienze e tecnologie chimiche “Giulio Natta” (Scitec) del Centro nazionale di ricerca di Milano. La prima ricetta – e la più efficace perché più duratura: può essere utilizzata per una settimana di seguito – è a base di alcol e acqua. Guidotti raccomanda di “miscelare 0,4 litri di alcol denaturato (rosa) al 90% – equivalente a circa due bicchieri di plastica colmi – e semplice acqua del rubinetto, fino a un totale di mezzo litro”.

Acqua ossigenata e acqua

La seconda prevede l’uso di acqua ossigenata per medicazione al 3% (10 volumi). “Sono sufficienti 0,1 litri, pari a circa metà bicchiere di plastica – avverte Guidotti, che vanno miscelati con acqua del rubinetto fino ad arrivare a mezzo litro di soluzione disinfettante”. L’acqua, come spiega Guidotti dall’Almanacco della scienza, serve per “abbassare l’eccessiva concentrazione dei prodotti casalinghi, che può risultare non ottimale”.

Candeggina e acqua

Infine, l’ultima proposta di Guidotti: “Dieci millilitri di candeggina da bucato al 5% (circa un cucchiaio da minestra) con aggiunta di acqua di rubinetto fino ad arrivare a mezzo litro. Va ricordato – afferma il ricercatore – che tali soluzioni igienizzanti perdono efficacia nel tempo: in particolare, le soluzioni a base di candeggina o di acqua ossigenata, diversamente da quella con alcol che può essere usata anche per sette giorni consecutivi, vanno preparate quotidianamente perché il principio attivo non è stabile oltre le 24 ore”.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube