Coronavirus: i Tar continuano a lavorare

20 Marzo 2020
Coronavirus: i Tar continuano a lavorare

La tutela cautelare sarà sempre garantita anche durante il periodo di emergenza e la trattazione delle domande non subirà nessun ritardo.

La sospensione delle attività giudiziarie fino al 15 aprile riguarda anche la giustizia amministrativa, ma la tutela cautelare viene garantita anche durante questo periodo di piena emergenza Coronavirus. Così i Tar continuano a lavorare per le questioni connotate da urgenza, dove un ritardo nella trattazione potrebbe pregiudicare irrimediabilmente gli interessi del ricorrente.

Lo spiega in una nota il presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi. Il documento contiene le istruzioni ai Tar, i Tribunali amministrativi regionali, ed alle Sezioni del Consiglio di Stato, per applicare le norme introdotte dal decreto ‘Cura Italia’ per il contenimento del contagio del coronavirus.

Secondo quanto riporta il documento, diffuso dall’Adnkronos, ”la trattazione delle domande cautelari non subirà nessun ritardo o rinvio, grazie alla trasformazione del rito, nella fase emergenziale, da collegiale a monocratico”.

Le indicazioni fornite da Patroni Griffi garantiscono poi “una pronta e piena ripresa delle udienze a valle del periodo di sospensione obbligatoria, evitando, nei limiti del possibile, inutili rinvii”.

Nel caso in cui le parti ne facciano espressa richiesta, è anche previsto un sostanziale anticipo della data di ripresa della trattazione delle cause al 6 aprile, anziché al 15.

Il processo amministrativo, fino al 30 giugno, resterà però privo della discussione orale, sostituita con la possibilità di presentare brevi note d’udienza entro due giorni liberi dall’udienza.

La giustizia amministrativa è stata la prima in Italia a dotarsi di sistemi di automazione che arrivano alle soglie dell’intelligenza artificiale. Ciò la rende all’avanguardia rispetto alla giurisdizione ordinaria, civile e penale, dove però adesso si iniziano a realizzare le udienze in videoconferenza.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube