Cronaca | News

Coronavirus: la corsa all’aperto presto sarà proibita

20 Marzo 2020
Coronavirus: la corsa all’aperto presto sarà proibita

Il capo della Protezione civile Borrelli anticipa che sarà vietato lo jogging e qualunque forma di attività sportiva in luoghi aperti.

Tra le nuove limitazioni in arrivo, preannunciate in via informale da alcuni esponenti del Governo e che ancora non hanno preso forma in un provvedimento ufficiale, una delle prime sarà il divieto di correre all’aperto.

Lo ha anticipato oggi, come ci segnala l’agenzia stampa Adnkronos, il capo della Protezione civile e Commissario per la gestione dell’emergenza Coronavirus, Angelo Borrelli.

“Sarebbe giusto proibirla”, ha detto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso della trasmissione ‘I Lunatici’, riferendosi non soltanto allo jogging ma, più in generale, ad ogni tipo di attività sportiva in luoghi aperti.

“Se dobbiamo fare dei sacrifici, dobbiamo farli per tutte le ragioni – ha proseguito il commissario – la corsa all’aperto la faremo tra una decina di giorni o quando sarà”.

Borrelli ha rinnovato per l’ennesima volta l’invito a stare a casa. “Ottimismo e speranza – ha sottolineato Borrelli – devono nascere dai comportamenti che stanno adottando i nostri connazionali che devono essere di assoluta prudenza. Voglio quindi di ricordare di uscire il meno possibile. I numeri ce lo dicono: per evitare i contagi bisogna evitare i contatti umani e muoversi il meno possibile. Il mio invito è di evitare di uscire di casa se non strettamente necessario”.

“Gli epidemiologi ha continuato il capo della Protezione civile – ci dicono che se noi conduciamo una vita assolutamente normale la percentuale di popolazione che viene colpita dal Coronavirus è molto più alta, per questo si adottano misure come quelle adottate in Cina”.

Se questa è l’impostazione, è prevedibile che nella prossima stretta rientrerà anche lo stop alle passeggiate, per prevenire ogni forma di uscita di casa non indispensabile. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha anticipato che le restrizioni potrebbero arrivare già domani, in un nuovo Decreto che è già in corso di predisposizione.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube