HOME Articoli

Lo sai che? Disoccupati: come ottenere l’Aspi, il contributo di disoccupazione

Lo sai che? Pubblicato il 3 ottobre 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 ottobre 2013

Sono privo di lavoro e so che recentemente è cambiata la legge sul contributo di disoccupazione: vorrei sapere come poter attenere un sostegno dallo Stato.

Il lavoratore che abbia perduto involontariamente la propria occupazione può ottenere un beneficio dallo Stato che si chiama Aspi.

 

Attenzione: anche il dipendente che sia stato costretto a dimettersi a causa del mancato pagamento di uno o più stipendi è considerato rientrante nella categoria di coloro che hanno perso involontariamente il lavoro e, pertanto, ha diritto all’ASPI.

Condizioni per il beneficio

1) Si deve trattare di lavoratore subordinato, compresi gli apprendisti, i soci lavoratori di cooperative, il personale artistico e i dipendenti a tempo determinato delle pubbliche amministrazioni;

2) il lavoratore deve trovarsi in stato di disoccupazione non volontario (ivi comprese, come detto, le dimissioni per giusta causa);

2) il lavoratore deve poter far valere  un anno di contribuzione contro la disoccupazione nel biennio precedente l’inizio del periodo di disoccupazione.

Non spetta a:

1) i dipendenti a tempo indeterminato delle Pubbliche Amministrazioni;

2) gli operai agricoli a tempo determinato e indeterminato;

3) i lavoratori extracomunitari con permesso di soggiorno per lavoro stagionale, per i quali resta confermata la specifica normativa.

Cosa spetta

A seconda dell’anno di cessazione del lavoro spetta:

– per il 2013: età inferiore a 50 anni: 8 mesi di indennità. Per gli over 50 l’indennità spetta per 12 mesi.

– per il 2014: età inferiore a 50 anni: 8 mesi di indennità. Per gli over 50 l’indennità spetta per 14 mesi.

– per il  2015: età inferiore a 50 anni: 10 mesi di indennità. Per gli over 50 fino a 54 anni, l’indennità spetta per 12 mesi. Per età anagrafica pari o superiore a 55 anni, l’indennità spetta per 16 mesi.

La domanda

La domanda va presentata all’Inps in via telematica, attraverso:

web – servizi telematici, accedendo al portale Inps con il proprio PIN;

contact center (tel. 803164);

patronati.

Decorrenza della prestazione

L’indennità di disoccupazione ASpI spetta:

– dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, se la domanda viene presentata entro l’ottavo giorno;

– dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda, nel caso in cui questa sia stata presentata dopo l’ottavo giorno;

– dalla data di rilascio della dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa nel caso in cui questa non sia stata presentata all’INPS ma al centro per l’impiego e sia successiva alla presentazione della domanda;


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

6 Commenti

  1. E chi gia ha usufruito dell ‘indennità e nn é riuscito a trovare lavoro è destinato a morire ? Grazie.

  2. Dipendente a tempo indeterminato, 3 anni di cassa integrazione e 1 di mobilità’, ha diritto all’aspi? In che % rispetto allo stipendio netto? Grazie x la risposta

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

      1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

        Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
        Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

        A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

        Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  3. per chi è un precario ed ha avuto un rapporto do lavoro come procacciatore di affari, over 45 e senza aver potuto beneficiare di contributi nei 2 anni precedenti, inoltre è iscritto da oltre 6 anni all’ufficio di collocamento, svolgendo in tale periodo una moltitudine di lavori precari, in nero, a chiamata, ecc. NON VI è ALCUNA POSSIBILITA’ DI AVERE UN CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA’…questa è L’ITALIA, mi vergogno di essere italiano!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI