Diritto e Fisco | Articoli

Borse di studio: vanno tassate?

3 Ottobre 2013
Borse di studio: vanno tassate?

È a carico dei genitori il figlio maggiorenne, universitario che ha avuto solo redditi da borsa di studio, assoggettati a ritenuta a titolo di imposta?

Per considerare un familiare fiscalmente a carico deve verificarsi che il reddito di quest’ultimo sia inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili.

A questo punto è necessario verificare se la borsa di studio possa qualificarsi come reddito.

Secondo le istruzioni dell’agenzia delle Entrate, riferite ai modelli fiscali (730, Unico), le somme percepite a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio e di addestramento professionale (tra le quali rientrano le somme corrisposte ai soggetti impegnati in piani di inserimento professionale), se erogate al di fuori di un rapporto di lavoro dipendente, e sempre che non sia prevista una specifica esenzione, costituiscono redditi assimilati a lavoro dipendente. Pertanto sono tassabili.

A differenza delle borse di studio, sono invece esenti gli assegni per la collaborazione ad attività di ricerca conferiti dalle università, dagli osservatori astronomici, astrofisici e vesuviano, dagli enti pubblici e dalle istituzioni di ricerca, dall’Enea e dall’ Asi.

Per quanto riguarda le borse di studio sono esenti, tra le altre:

– le borse di studio corrisposte dalle Regioni a statuto ordinario agli studenti universitari e quelle corrisposte dalle Regioni a statuto speciale e dalle Province autonome di Trento e Bolzano allo stesso titolo;

– le borse di studio corrisposte dalle università e dagli istituti di istruzione universitaria [1] per la frequenza dei corsi di perfezionamento e delle scuole di specializzazione, per i corsi di dottorato di ricerca, per attività di ricerca post-dottorato e per i corsi di perfezionamento all’estero;

– le borse di studio bandite dal 1° gennaio 2000 nell’ambito del programma “ Socrates” [2], nonché le somme aggiuntive corrisposte dall’università, a condizione che l’importo complessivo annuo non sia superiore a 7.746,85 euro;

– le borse di studio corrisposte [3] per la frequenza delle scuole universitarie di specializzazione delle facoltà di medicina e chirurgia.

Ne deriva che, qualora la borsa sia stata assoggetta a ritenuta da parte dell’ente erogante, la stessa costituirà reddito in capo al beneficiario.


note

[1] In base alla legge 30 novembre 1989, n. 398.

[2] Istituito con decisione n. 819/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 marzo 1995, come modificata dalla decisione n. 576/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio.

[3] Corrisposte ai sensi del Dlgs n. 257 dell’8 agosto 1991.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube