Cronaca | News

Coronavirus: in arrivo gli aiuti dalla Russia

22 Marzo 2020
Coronavirus: in arrivo gli aiuti dalla Russia

Il presidente Putin, d’intesa con Conte, ha avviato un piano straordinario di assistenza medica per l’Italia, con 100 virologi ed equipaggiamenti sanitari. I primi voli sono già partiti.

La Russia dà una mano all’Italia per contrastare l’emergenza coronavirus: il presidente Vladimir Putin ha deciso di inviare assistenza medica a partire da oggi, con voli aerei già in partenza che trasporteranno virologi militari ed equipaggiamenti sanitari. Questi specialisti offriranno il loro contributo nelle zone italiane più colpite dall’epidemia.

La decisione fa seguito ai contatti intercorsi sabato tra Putin e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante i quali il leader russo ha offerto sostegno e aiuto sotto forma di medici specialisti e veicoli militari per la disinfezione mobile per aiutare le regioni italiane più esposte. L’Italia ha accettato e il nostro ministro della difesa, Lorenzo Guerini, afferma: “L’Italia non è sola in questa sfida. Voglio ringraziare la Russia per gli aiuti che sta fornendo al nostro Paese per superare questa emergenza”.

Secondo quanto risulta alla nostra agenzia stampa Adnkronos, il ministero della Difesa russo ha affermato che gli aerei da trasporto militare consegneranno otto brigate mobili di medici militari, si tratta di 100 specialisti in virologia ed epidemie. Previsto anche l’invio via terra, con camion Kamaz, di veicoli speciali per la disinfezione (dispositivi mobili disinfettanti) e altre attrezzature mediche, il tutto a partire da oggi, domenica 22 marzo.

I primi due aerei da trasporto delle Forze Aerospaziali Russe sono già partiti per l’Italia, atterreranno nella giornata odierna presso l’aeroporto militare di Pratica di Mare. L’arrivo viene confermato dal commissario straordinario all’emergenza, Domenico Arcuri. Altri nove voli sono previsti a seguire.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube