Cronaca | News

Coronavirus: vietato uscire dal Comune

22 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: vietato uscire dal Comune

Nuova ordinanza firmata dai ministeri della Salute e dell’Interno. Il provvedimento è operativo da oggi e sarà efficace fino al nuovo Dpcm in arrivo.

Nuova ordinanza dei ministeri della Salute e dell’Interno: per contrastare l’ulteriore diffusione del coronavirus, è vietato «a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in Comune diverso da quello in cui si trovano salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute».

In questo modo, tra le altre cose, si cerca di impedire che ci sia una nuova ondata di trasferimenti da Nord a Sud, viste le ordinanze più restrittive delle regioni settentrionali che hanno disposto la chiusura delle attività produttive per diverse settimane.

L’ordinanza è operativa da oggi, domenica 22 marzo, ed è efficace «fino all’entrata in vigore di un nuovo decreto del Presidente del Consiglio». Le stazioni saranno presidiate.

I ministeri hanno così deciso a poche ore dell’annuncio di Giuseppe Conte di nuove misure restrittive di cui abbiamo anticipato la bozza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buongiorno, pur essendo in linea di massima in accordo, trovo il quanto assurdo in quanto i più grossi supermercati a Milano sono posti nei Comuni limitrofi alla Città di Milano (Rozzano, Corsico, Sesto San Giovanni, Arese, etc etc) e addirittura collegati con le linee di superficie della Città di Milano.
    Quindi essendo Milano una “Città metropolitana” questi supermercati non dovrebbero essere penalizzati e neppure i loro clienti milanesi. Grazie, buon lavoro.

Rispondi a Umberto Minotti Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube