Diritto e Fisco | Articoli

Immatricolazioni: la paradossale storia delle nuove targhe con Iva al 22%

5 Ottobre 2013
Immatricolazioni: la paradossale storia delle nuove targhe con Iva al 22%

Da oggi tutte le nuove immatricolazioni sconteranno l’Iva al 22%; chi ha immatricolato un’auto dal 1° al 3 ottobre dovrà pagare un’integrazione di pochi centesimi per regolarizzare la propria posizione.

Una storia di burocrazia tipicamente italiana quella che si profila, oggi, con le nuove immatricolazioni.

La motorizzazione ha appena comunicato – non era mai accaduto prima – che l’aumento dell’Iva al 22% riguarda anche l’acquisto delle nuove targhe per veicoli. Senonché tale chiarimento è arrivato qualche giorno dopo l’aumento dell’aliquota, scattato il 1° ottobre. Così, dal 1° al 3 ottobre sono state immatricolate auto e targhe con il vecchio sistema. Gli uffici, insomma, non erano aggiornati e non sapevano ancora nulla a riguardo.

Risultato? Che ora chi ha immatricolato o reimmatricolato un veicolo in questo intervallo di tempo dovrà pagare un altro bollettino postale con l’integrazione, un’integrazione di pochi centesimi, molto inferiore quindi degli 1,80 euro che costa il bollettino postale. Senza contare al tempo che si perderà per regolarizzare il mezzo.

A parte il paradosso, sembra peraltro che l’interpretazione fornita dalla Motorizzazione e dal Ministero sia tutt’altro che fondata. Infatti le targhe sono considerate “carte valori” e come tali non soggette ad Iva.

Peraltro l’aumento colpirebbe anche lo Stato, che compra le targhe dal Poligrafico prima di rivenderle – attraverso la Motorizzazione – ai cittadini e alle agenzie di pratiche.

Infine, le targhe che oggi vengono applicate sui veicoli sono state prodotte mesi fa e si trovavano negli stock della Motorizzazione e delle agenzie: bisognerebbe allora chiarire come applicare l’aumento Iva sugli stock, visto che il problema non si è mai posto prima.

Una cosa, comunque, è certa: da oggi chiunque intenda immatricolare un’auto dovrà pagare l’Iva più elevata. Un costo in più a carico del cittadino.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube