Cronaca | News

Usa: incriminare per terrorismo chi diffonde il Coronavirus

25 Marzo 2020
Usa: incriminare per terrorismo chi diffonde il Coronavirus

Direttiva del ministro della Giustizia ai procuratori degli Stati Uniti d’America: la propagazione intenzionale del Covid-19 sarà repressa come un’arma biologica.

Mentre in Italia il nuovo decreto legge varato ieri dal Governo cambia il sistema delle sanzioni, introducendo multe da 400 a 3mila euro per chi viola i divieti e arriva alla reclusione fino a 5 anni per chi esce di casa nonostante la sottoposizione alla quarantena o la positività al test Covid-19,  gli Stati Uniti d’America arrivano a incriminare per terrorismo i diffusori volontari del Coronavirus.

Il vice ministro della Giustizia americano, Jeffrey Rosen, ha redatto le linee guida per i procuratori di tutti gli Stati Uniti d’America e dispone che i casi di “diffusione volontaria ed infezione di altre persone con il Covid19″ potranno essere incriminate per terrorismo, se la loro condotta è stata intenzionale. Ce ne informa la nostra agenzia stampa Adnkronos.

“Dal momento che il coronavirus sembra rientrare nella definizione di ‘agente biologico‘ azioni del genere potenzialmente possono essere comprese nelle leggi anti-terrorismo – ha scritto il numero due del Dipartimento di Stato – minacce o tentativi di usare il Covid19 come un’arma contro gli americani non saranno tollerati”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube