Business | News

Coronavirus, crolla anche la Germania

25 Marzo 2020
Coronavirus, crolla anche la Germania

Precipita l’indice Ifo tedesco, sotto il peso dell’impatto del Covid-19. Giù la fiducia delle imprese sulla ripresa economica. Ma potrebbe essere un’opportunità.

Neppure la “locomotiva” tedesca è immune dal Coronavirus. Al di là dell’emergenza sanitaria – che colpisce la Germania con oltre 30mila casi di posività accertati – l’indice Ifo, che misura la fiducia economica delle imprese, crolla ai minimi dai tempi della riunificazione del 1990, precipitando a 86,1 punti dai 96 punti del mese scorso.

Il sentimento tra i manager tedeschi è diventato “straordinariamente terribile”, ci riporta l’agenzia stampa Adnkronos. L’indice Ifo Business Climate Index è un tradizionale sondaggio mensile su migliaia di aziende dei settori manifatturiero, costruzioni, vendite all’ingrosso e commercio al dettaglio. Esprime il giudizio sull’andamento della situazione economica e sulle aspettative per i successivi sei mesi. Siccome proviene dai manager di queste imprese, anticipa con ottima approssimazione le tendenze e gli scenari.

In questo momento esprime il fatto che le aspettative delle forti aziende tedesche si sono oscurate come mai era successo prima d’ora. . L’economia tedesca è sotto shock e nessun comparto fa eccezione. Nel settore manifatturiero, l’indice è sceso al livello più basso dall’agosto 2009. Mai nella storia di una Germania riunificata era sceso tanto e anzi il calo delle aspettative registrato oggi è il peggiore in 70 anni di indagini di settore.

Molte aziende hanno annunciato piani di riduzione della produzione e tutte le prospettive sono state riviste al ribasso. Questo potrebbe compromettere il prossimo piano di aiuti europei per la ripresa economica, dove la Germania, come Stato leader dell’Unione, sta soffrendo come gli altri Paesi membri e dunque dispone di minori risorse da stanziare a livello comunitario; ma lo stesso motivo potrebbe essere un’occasione per dare maggior slancio a un intervento coraggioso, abbandonando le tradizionali politiche di austerità che la stessa presidente della Commissione Ue sembra orientata a voler superare.



5 Commenti

  1. Che strano, questa europa, siamo stati i prima ad entrare nel Covid-19 e tutti dico tutti gli alleati europei ci hanno riso in faccia come se fossimo degli appestati, ci hanno chiuso tutte le frontiere sia in entrata che in uscita, aiuti sono arrivati da tanti stati extra eu. non potevamo spendere in macchinari x non sforare il debito, ora sono sotto coperta loro e la coperta la allungano come vogliono a piacere loro, se questa è l’Europa unita e meglio dagli un taglio

      1. Sicuramente Europa che sognavamo non è questa
        Quindi a mio avviso dovremmo lottare per un’Europa di tutti con un suo presidente una sua Banca Centrale e una sua Costruzione se questo non è possibile a allora fuori e ripartiamo da zero dalla nostra costituzione e con valori di meritocrazia

      2. Volevano vincere la terza querra mondiale ,la perderanno pure assieme alla faccia ,sono e rimangano sempre trucchi,salvo qualcuno.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube