Cronaca | News

Coronavirus, paura per il capo della protezione civile

25 Marzo 2020
Coronavirus, paura per il capo della protezione civile

Angelo Borrelli ha la febbre. Sospesa la conferenza stampa quotidiana delle 18 per fare il punto sul numero di contagiati, morti e guariti.

Angelo Borrelli, il capo della protezione civile, ha la febbre. E questo basta a preoccuparsi per le sue condizioni di salute. Per ora, non è chiaro se il capo del dipartimento della protezione civile si sottoporrà al tampone per capire se possa aver contratto il Coronavirus, è altamente probabile che sarà così, ma riusciremo a saperlo con certezza nelle prossime ore.

Di certo c’è solo che stamattina, non appena essersi accorto di avere qualche linea di febbre, Borrelli ha lasciato la sede del dipartimento, per precauzione. Oggi, per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, la conferenza stampa alla sede della protezione civile, tenuta ogni giorno alle 18 da Borrelli insieme a un esperto dell’Istituto superiore di sanità, non si terrà.

L’informazione sull’avanzare dell’epidemia sarà comunque garantita attraverso un comunicato stampa che verrà diramato sempre alle 18.

Nei giorni scorsi, la stessa protezione civile aveva dato notizia del contagio di dodici suoi uomini, tutti con sintomi lievi e tutti comunque al lavoro da casa, per continuare a dare una mano. Borrelli aveva espresso orgoglio per questi suoi colleghi, persone che lavorano non meno di 14-15 ore al giorno, instancabilmente e fiere di farlo.

Lo stesso Guido Bertolaso, nominato consulente nella gestione dell’emergenza dal presidente della Lombardia Attilio Fontana, si è ammalato di Covid-19 nei giorni scorsi. È di oggi la notizia del suo ricovero, anche se i medici dicono che le sue condizioni non sono preoccupanti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube