Coronavirus: come addomentarsi senza pensieri

26 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: come addomentarsi senza pensieri

Come dormire bene ai tempi del Covid-19.

La pandemia ha stravolto in breve tempo le nostre vite. C’è chi era abituato ad uscire con frequenza tra lavoro, università, scuola, piscina, palestra, aperitivi, eventi, spettacoli, serate mondane. E, poi, c’è chi non sta soffrendo particolarmente la quarantena, dal momento che era già abituato a rimanere chiuso in ufficio (o in casa) e uscire la sera solo per ritornare nella propria abitazione e trascorrere la serata in famiglia, concedendosi di tanto in tanto una cenetta fuori casa. C’è chi lavorava già da tempo in smart working o studiava rinchiuso tra le quattro mura della sua cameretta; pertanto, la sua quotidinità non ha risentito molto delle misure restrittive stabilite dal nuovo decreto.

Tuttavia, un conto è decidere di non uscire, altra cosa è non poter uscire per evitare il rischio di essere contagiati dal nuovo Coronavirus. Ovviamente, questa pandemia si ripercuote sulla nostra serenità e può essere fonte di ansia e stress (per maggiori informazioni leggi i miei articoli Coronavirus: come gestire l’ansia e lo stress, Coronavirus: come superare l’ansia del contagio, Coronavirus: come gestire lo stress).

Ma cos’è lo stress? Una condizione neurochimica che mantiene il cervello in stato di eccitazione e può provocare sonno frammentato e risveglio precoce. Disturbi del sonno e stress sono strettamente correlati. Il disturbo del sonno genera stress e ciò produce ulteriore stress alimentando così un circolo vizioso. Con molta probabilità, in questo periodo stai sperimentando questa situazione e non riesci ad addormentarti correttamente.

Trascorri le tue giornate a leggere e ascoltare news sul Coronavirus per essere sempre informato. Magari ti è anche capitato di lasciarti “incantare” dalle bufale che circolano in rete e il tuo stato di allarme è aumentato drasticamente. Normalmente, l’abuso di sostanze stupefacenti, alcol, determinano un’alterazione del sonno. Se soffri di depressione, ansia o di patologie di natura psicologica-neurologica-psichiatrica può darsi che il tuo stato di agitazione sia amplificato. Allora, non riuscendo a ritrovare il giusto ritmo sonno-veglia, ti stai domandando come rimediare. I bisogni individuali di sonno possono variare ampiamente dalle 6 alle 10 ore al giorno. Nel mio articolo, ti fornirò alcuni consigli pratici. In ogni caso, ricorda che la sfera dei disturbi del sonno è un ambito ampio e articolato che richiede l’intervento di uno specialista.

Dormire bene: perché è importante?

Il sonno favorisce il riassetto della memoria e dell’attenzione. Inoltre, favorisce l’allontanamento di scorie metaboliche dal cervello e ripristina un migliore equilibrio emotivo. Secondo studi recenti, sono sufficienti 8 ore di sonno per garantire un efficace recupero fisiologico.

Dormire bene non solo permette di avere un buon funzionamento cognitivo, ma consente anche di riuscire a prevenire alcune patologie neurologiche come la demenza. Negli ultimi anni, la ricerca medica ha evidenziato una stretta correlazione tra il sonno e alcune malattie come il deficit di memoria o la malattia di Alzheimer.

Secondo altri studi, il sonno riduce il rischio di contrarre malattie cardiovascolari e ictus. In una meta analisi di 15 studi, pubblicata sullo European Heart Journal, sono state raccolte le evidenze per la salute del cuore.

Inoltre, dormire meno di sei ore a notte può avere conseguenze nello sviluppo del diabete tipo 2. La mancanza o la scarsa qualità del sonno, comporterebbe anche una maggiore fragilità del sistema immunitario.

Qual è la migliore posizione per dormire bene?

Un lavoro scientifico pubblicato dal Prof. Shelby Harris, esperto di medicina del sonno all’Albert Einstein College of Medicine di New York, sottolinea che la posizione migliore per dormire correttamente è quella supina (con il corpo sdraiato a pancia in su con la schiena appoggiata al letto).

Quali sono i vantaggi di questa posizione? Secondo Shelby, questa posizione è la migliore da assumere per il benessere della colonna vertebrale in quanto consente a testa, collo e colonna vertebrale di mantenere una posizione neutrale, eliminando così il dolore in quelle aree del corpo. Inoltre, riduce il reflusso di acido gastrico, in quanto la testa è sollevata sopra il petto.

Consigli per dormire correttamente

Ecco qualche suggerimento utile per prendere sonno in breve tempo:

  • è preferibile dormire al buio, in quanto la luminosità che attraversa le palpebre può funzionare da stimolo disturbante;
  • non andare a dormire dopo le 23:00;
  • evita la tv in camera da letto e l’uso di Ipad, pc e cellulari perché sono fonte di intense stimolazioni che elevano l’eccitamento del sistema nervoso centrale;
  • cambia aria e umidifica la camera da letto;
  • il materasso deve adattarsi perfettamente al corpo;
  • evita pasti pesanti e abbondanti, bevande stimolanti a base di caffeina o alcolici;
  • pratica attività fisica;
  • fai una doccia o bagno caldo prima di metterti a letto.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube