Coronavirus: stop alle ordinanze restrittive dei Sindaci

27 Marzo 2020
Coronavirus: stop alle ordinanze restrittive dei Sindaci

La nuova circolare del ministro dell’Interno vieta a Regioni e Comuni di emanare provvedimenti in contrasto con le norme statali. Ai Prefetti il controllo.

Il Governo punta all’uniformità su tutto il territorio nazionale delle misure restrittive per evitare i contagi da Coronavirus. Lo aveva annunciato il premier Giuseppe Conte illustrando l’ultimo decreto legge n.19 entrato in vigore il 26 marzo e adesso il ministero dell’Interno ha pubblicato le istruzioni operative per gli Enti locali: qui viene detto che i Sindaci non potranno emettere ordinanze in contrasto con le norme statali.

La circolare, per come ci riporta l’Adnkronos, è già operativa ed stata messa online sul sito del ministero. Il documento – che ha valore di direttiva del ministro alle proprie articolazioni amministrative sul territorio –  contiene le indicazioni per la corretta applicazione del decreto legge fornite dal Viminale ai Prefetti, nella loro qualità di uffici territoriali di governo, coinvolti in primo piano nella gestione dell’emergenza.

Tra i punti evidenziati dalla circolare, firmata dal capo di Gabinetto del ministro, c’è “il potere del Prefetto, introdotto dall’articolo 1, comma 3, del decreto legge, di imporre, per la durata dell’emergenza, lo svolgimento delle attività che non sono oggetto di provvedimenti di sospensione in base alla nuova normativa, e delle quali sia assolutamente necessario assicurare l’effettività e la pubblica utilità”.

“Questo potere – ricorda la circolare – va esercitato dopo una prudente valutazione dei presupposti, ancora di più nel segno della “delicata funzione di contemperamento tra l’esigenza di garantire la continuità di servizi di pubblica utilità e il rispetto della libera iniziativa individuale, tanto che la norma stessa ha previsto espressamente la necessità della preventiva e informale consultazione delle parti sociali interessate”.

In tale quadro “è altresì stabilito che, nell’ambito delle misure di cui all’art. 1, comma 2, le Regioni e i Comuni potranno dispone prescrizioni più restrittive rispetto a quelle statali, esclusivamente nell’ambito delle attività di loro competenza e senza che le stesse possano in alcun modo incidere sulle attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale”.

“Si segnala, inoltre – prosegue la circolare – la disposizione che precisa che i Sindaci non possono adottare, a pena di inefficacia, ordinanze contingibili e urgenti dirette a fronteggiare l’emergenza in contrasto con le misure statali. Tale ultima norma recepisce la ratio dell’articolo 35 del decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9, che viene, dunque, abrogato”, conclude la direttiva.

Da qui, dunque, il divieto imposto dal Governo per i Sindaci ad andare oltre i limiti restrittivi stabiliti dal decreto legge a livello nazionale, che non possono essere oltrepassati, come accadrebbe se le ulteriori prescrizioni di qualche Comune dovessero contrastare con quelle stabilite dal decreto legge. In tal caso esse non avrebbero validità per cittadini, negozi e imprese. Il compito di controllare ed assicurare il rispetto di queste prescrizioni spetterà ai Prefetti dislocati in ciascuna provincia d’Italia.



1 Commento

  1. Riguardo questa circolare, come si risolve quindi la questione delle passeggiate soli nei dintorni della propria abitazione?Perché ieri il Viminale ha emesso una nota per chiarire cos’è consentito, ma quindi vale anche in quelle regioni che hanno divieti più restrittivi, com’é il caso della Lombardia e di Milano?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube