Prestiti ai professionisti: stop alle rate

27 Marzo 2020
Prestiti ai professionisti: stop alle rate

Sospesi fino al 30 settembre i rimborsi delle rate su finanziamenti, mutui e leasing: la nuova direttiva Abi emanata sulle indicazioni del Mef. Come accedere al beneficio.

Anche i liberi professionisti avranno la moratoria straordinaria dei prestiti, mutui, leasing e altre forme di finanziamento o linee di apertura del credito, alla pari delle imprese a cui ha già pensato il decreto Cura Italia.

Lo conferma oggi una circolare dell’Abi, l’Associazione bancaria italiana, che arriva a immediato seguito delle indicazioni fornite dal ministero dell’Economia e Finanze nelle Faq pubblicate in materia di sostegno alla liquidità delle piccole e medie imprese (Pmi).

“I professionisti che hanno esposizioni debitorie nei confronti di banche e intermediari finanziari potranno beneficiare della moratoria sulle revoche delle aperture di credito e dei prestiti e sulla sospensione dei versamenti delle rate dei mutui e dei canoni leasing”, commenta il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella.

La misura riguarda non soltanto i professionisti ordinistici, ma anche le altre categorie di lavoratori autonomi titolari di partita Iva, che adesso l’Abi riconosce tra i soggetti beneficiari del sostegno economico previsto dal decreto.

Rimborsi posticipati al 30 settembre

Per effetto delle nuove disposizioni, ora i professionisti vedranno congelate fino al 30 settembre le rate di prestiti e canoni in scadenza, ma anche le linee di apertura di credito concesse in conto corrente ed i finanziamenti in conto anticipi sui titoli di credito.

La direttiva dell’Abi prevede che non possono essere revocati, neppure in parte, i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti in essere fino al 29 febbraio scorso (o, se superiori, su quelli in essere al 17 marzo, data di pubblicazione del decreto legge Cura Italia) e neppure le aperture di credito concesse sino a revoca. La misura vale sia per la parte di credito già utilizzata sia per quella non ancora fruita.

Sospensione prestiti, mutui e leasing

Inoltre è posticipato al 30 settembre il rimborso dei prestiti non rateali che scadono in data anteriore. Per ottenere la sospensione dei pagamenti non occorre alcuna formalità e non c’è nessuna condizione.

Nel documento si sottolinea che la restituzione dei prestiti dovrà avvenire con modalità “che non si risolvono in ulteriori oneri né per gli intermediari né per i soggetti finanziati”, non potranno cioè essere posti nuovi interessi o costi aggiuntivi.

È sospeso, sempre fino al 30 settembre, anche il pagamento delle rate o dei canoni di leasing relativi ai mutui e altri finanziamenti con rimborso dilazionato che scadono in data anteriore. Imprese e titolari di partita Iva possono chiedere sospensione del pagamento dell’intera rata oppure di effettuare nel frattempo soltanto rimborsi in conto capitale. Se i contratti di finanziamento prevedono eventuali elementi accessori, anch’essi sono prorogati come la prestazione principale.

Come formulare la richiesta

La comunicazione di moratoria va inviata alla banca, che è tenuta accettarla, a patto che rispetti i requisiti indicati dal  decreto Cura Italia. La richiesta potrà essere inviata a mezzo Pec, posta elettronica certificata, nella quale occorrerà indicare gli estremi del contratto di finanziamento (numero e data di sottoscrizione) e dichiarare di aver subito carenze di liquidità a causa del blocco delle attività imposto dalla pandemia.

L’agevolazione è concessa, infatti, agli operatori economici concretamente danneggiati dall’epidemia di Covid-19, anche attraverso una contrazione del volume d’affari e dei ricavi o compensi professionali dovuta alla mancanza di clienti e all’interruzione dell’attività professionale.

Queste circostanze devono essere autodichiarate: per questo occorrerà apporre la consueta clausola prevista per ogni tipo di autocertificazione e cioè di «essere consapevole delle conseguenze civili e penali in caso di dichiarazioni mendaci ai sensi dell’articolo 47 del dpr 445/00».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube