Diritto e Fisco | Articoli

Mantenimento dei figli: può sostituirsi con la proprietà di beni

8 Ottobre 2013 | Autore:
Mantenimento dei figli: può sostituirsi con la proprietà di beni

Al posto dell’assegno di mantenimento in favore dei figli i coniugi possono concordare il trasferimento, in loro favore, della proprietà di un bene mobile o immobile.

Di regola, in caso di separazione o divorzio, i genitori provvedono al mantenimento di figli (minori o maggiorenni non economicamente autonomi) con il versamento periodico di una somma di denaro (a scadenza mensile).

Ciascun genitore deve provvedere a tale mantenimento in misura proporzionale al proprio reddito, salvo il caso in cui le parti non decidano di stipulare un diverso accordo [1].

Se le parti riescono a trovare un’intesa su modalità e termini della separazione, daranno vita a una separazione consensuale; in tal caso, l’accordo conterrà la misura del contributo a favore della prole. Diversamente, esso dovrà essere stabilito dal giudice con la sentenza di separazione o divorzio giudiziale.

Una recente pronuncia della Cassazione [2] ha, tuttavia, ricordato che i coniugi possano prevedere una forma alternativa di accordo per adempiere al dovere di mantenimento della prole: stipulare  una convenzione (in sede di separazione o divorzio) che preveda, anziché il versamento dell’assegno periodico, il trasferimento ai figli della proprietà di beni o anche il semplice impegno a farlo.

In altre parole, il genitore, piuttosto che versare mensilmente il mantenimento per i figli, attribuirà loro uno o più beni mobili o immobili; in questo modo, egli provvederà, con un unico adempimento, ai propri obblighi di natura economica [3].

È sempre necessario, comunque, che il valore dei beni copra l’importo dovuto ai figli nel corso del tempo; non si può infatti pensare che una simile convenzione possa avere ad oggetto, ad esempio, un bene di modico valore (come per esempio un box).

L’accordo così raggiunto dalle parti e che sarà inserito nel ricorso da presentare in tribunale avrà come effetto:

– l’acquisizione della proprietà dei beni dei genitori nel patrimonio dei figli e

– la conseguente estinzione dell’obbligo, da parte dei genitori, di versare il mantenimento.

Una simile scelta, proprio perché rappresenta un modo alternativo per versare il mantenimento, non può qualificarsi come una donazione: ciò implica che essa sarà comunque valida anche se il trasferimento dei beni non venga effettuato con la forma dell’atto pubblico notarile – prevista dalla legge a pena di nullità in caso di donazione – ma venga  inserito nel corpo di un accordo di separazione.


note

[1] Art. 155 comma 4 cod. civ.

[2].Cass. sent. n. 21736 del 23. 09.13.

[3] Art. 1322 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube