Cronaca | News

Coronavirus: ci attende un nuovo stop da giovedì

28 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: ci attende un nuovo stop da giovedì

Il 3 aprile scade l’attuale Dpcm e ne verrà firmato un altro: il Governo, intenzionato a prorogare le misure fino al 18 aprile. Con possibili deroghe.

Si avvicina la «data di scadenza» del Dpcm che impone le restrizioni per contenere la diffusione del coronavirus: giovedì 3 aprile, infatti, scade il decreto del 22 marzo che ha obbligato gli italiani di restare a casa, con le eccezioni ormai note di chi deve uscire per lavoro, per motivi di salute o per necessità improrogabili, come fare la spesa o andare in farmacia. Che succederà da giovedì in poi? Succederà che, con molta probabilità, dovremo restare a casa altri 15 giorni. È questa l’ipotesi che sta vagliando il Governo e che prende sempre più corpo.

Non vuol dire che trascorso quel periodo, cioè verso il 18 aprile, si tornerà alla vita normale: a Palazzo Chigi si è consapevoli del fatto che occorrerà attendere ancora qualche settimana, se non addirittura qualche mese, per allentare di più la corda. Tuttavia, si predilige la via della prudenza e si vuole rinnovare i provvedimenti restrittivi ogni 15 giorni, in modo da valutare di volta in volta l’andamento dell’emergenza.

Favorevoli alla linea dell’Esecutivo sia l’Istituto superiore di Sanità sia il Consiglio superiore di Sanità. Entrambi la pensano allo stesso modo: «L’epidemia ha rallentato il suo cammino, ma non è opportuno interrompere le misure di contenimento».

Giovedì, dunque, arriverà il nuovo decreto della Presidenza del Consiglio che prolungherà le misure in vigore almeno fino al 18 aprile (sempre che da qui al 3 aprile non ci siano delle clamorose novità sull’andamento dei contagi). Possibili alcune deroghe per le aziende in alcuni settori produttivi anche se, su questo punto, è necessario ancora sentire le parti sociali per verificare chi può ripartire e chi deve rimanere ancora chiuso.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube