Coronavirus: arrivano i soldi per i buoni spesa dei Comuni

30 Marzo 2020 | Autore:
Coronavirus: arrivano i soldi per i buoni spesa dei Comuni

Entro domani gli enti locali incasseranno i fondi per gli aiuti alimentari. Ai sindaci il compito di gestirli e di individuare i beneficiari.

Entro domani, 31 marzo, arriveranno i 400 milioni destinati dal Governo ai Comuni per finanziare i buoni spesa annunciati sabato scorso dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. La Corte dei Conti ha dato una spinta sui tempi dei provvedimenti approvati nell’ambito dell’emergenza coronavirus, cioè quello che anticipa oltre 4 miliardi del Fondo di solidarietà comunale e l’ordinanza della Protezione civile per garantire questa forma di solidarietà alimentare.

Quanto alla gestione dei buoni, nelle zone a Statuto speciale del Nord saranno Regioni e Province a finanziare gli aiuti. L’80% del fondo sarà messo a disposizione dei Comuni, in base alla loro popolazione. Il resto verrà calcolato in base al gap tra reddito medio pro capite di ogni Comune e quello nazionale. Ad ogni modo, l’importo minimo garantito a tutti i municipi sarà di 600 euro.

I Comuni potranno usare questi soldi per l’acquisto di buoni spesa o per la raccolta diretta di generi alimentari di prima necessità da distribuire ai cittadini. Avranno anche la facoltà di aprire dei conti correnti destinati a raccogliere delle donazioni sulle quali si applicheranno le detrazioni del 30% (o la deduzione piena dal reddito nel caso delle imprese) previste dal decreto Cura Italia. I sindaci potranno decidere autonomamente la gestione dell’acquisto dei buoni spesa, rivolgendosi direttamente agli esercenti e alla grande distribuzione, grazie a una deroga piena al Codice degli appalti.

Inoltre, sempre i sindaci sono chiamati ad individuare i cittadini più bisognosi, come possibili destinatari dei buoni spesa e le modalità di intervento. Quanto all’importo per famiglia, mediamente viene calcolato in 400 euro, ma i Comuni stabiliranno il valore unitario di ogni aiuto, a seconda delle condizioni economiche e sociali della famiglia o del cittadino da sostenere.


note

Autore immagine: Canva.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube