Diritto e Fisco | Articoli

Se sputi, risarcisci

30 dicembre 2011


Se sputi, risarcisci

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 dicembre 2011



Sputare: oltre ad essere un gesto volgare può costituire un reato; le condizioni per la sanzione, spiegate nell’articolo

Chi sputa volontariamente su un bene non proprio con l’intento di sporcarlo può incorrere nel reato di deturpamento e imbrattamento di cose altrui [1].

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione [2] che ha recentemente condannato un ottantasettenne  per gli sputi da quest’ultimo lanciati contro l’auto di un suo concittadino.

I giudici hanno comunque precisato che il singolo sputo, da solo, non è in genere idoneo a danneggiare la cosa oggetto della sozzeria e che, per configurarsi il reato, le espettorazioni devono essere numerose e dense, idonee in sostanza a insudiciare il bene, rovinandolo e sporcandolo.

di NICOLA POSTERARO

note

[1] Art. 639 c.p.

[2] Sent. n. 45924/2011.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI