Diritto e Fisco | Articoli

Come controllare bolli non pagati

31 Marzo 2020 | Autore:
Come controllare bolli non pagati

Dove puoi verificare se hai versato la tassa automobilistica obbligatoria: a seconda della regione di residenza, trovi aiuto sui siti delle Entrate e dell’Aci.

Se la buona memoria non è proprio una delle tue qualità migliori, probabilmente sei il tipo che segna ogni appuntamento o scadenza sul calendario ma poi dimentica di guardare il calendario. Tipico. Succede così che si rischia di ricordare i propri impegni quando è troppo tardi e, in alcuni casi, di pagare qualche multa per il mancato versamento di una tassa. Può capitare, ad esempio, con quella automobilistica. A quel punto, come controllare i bolli non pagati?

Ci sono almeno due strumenti messi a disposizione sia dall’Agenzia delle Entrate sia dall’Aci per chi, ad un certo punto, viene assalito dalla domanda «oddio, avrò pagato il bollo?» e non riesce a trovare la ricevuta del precedente versamento: ovviamente, non ricorda dove l’ha messa. Fortuna che oggi su Internet è possibile verificare tutto, o quasi tutto. Così, il Fisco e l’Automobile club mettono a disposizione degli smemorati proprietari di una macchina i rispettivi siti online, dove si può controllare i bolli non pagati, guardare le scadenze e capire se possiamo tirare un sospiro di sollievo perché ancora sono validi oppure dobbiamo precipitarci a versare quanto dovuto. Più l’eventuale sanzione. Vediamo come fare.

Bollo: quando bisogna pagarlo?

Domandarsi quando bisogna pagare il bollo auto non equivale soltanto a pensare ad una scadenza entro la quale versare la tassa automobilistica, ma comporta anche sapere perché va pagato, cioè in quale caso l’Amministrazione pubblica ci chiede di farlo.

Il bollo auto, come già saprai, è un’imposta regionale che deve essere pagata una volta ogni anno per il solo fatto di possedere un veicolo iscritto al Pubblico registro automobilistico, noto anche come Pra. Non è una tassa di circolazione: il bollo va pagato anche se la macchina resta in garage per tutto l’anno. Significa, quindi, che è una sorta di patrimoniale, cioè un’imposta per il possesso del veicolo, non per il suo utilizzo.

Quanto all’importo del bollo, varia in base alla potenza dell’auto e dalla sua capacità di inquinare: più la macchina è ecologica, cioè meno emissioni di CO2 produce, e meno si paga. Questo in attesa che arrivi (se arriverà) il nuovo bollo europeo unificato, recepito anche in Italia, che calcolerà l’importo in base ai chilometri percorsi. A priori, un paradosso perché chi ha un «Pandino» per andare ogni giorno al lavoro pagherà di più di chi ha una Ferrari in garage e la usa 15 giorni all’anno. Nel frattempo, ogni Regione impone i propri parametri per il calcolo del bollo auto, il che vuol dire che la tassa che si paga a Milano potrebbe non essere la stessa che si paga ad Ancona per lo stesso identico veicolo, per esempio.

Bollo auto: come controllare i pagamenti sul sito delle Entrate

Appurato che cos’è la tassa automobilistica, quando e come si paga, veniamo al punto: che succede se ti dimentichi della scadenza ed hai bisogno di controllare i bolli non pagati?

La prima soluzione è quella di andare sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Considera, però, che il servizio è disponibile per i pagamenti effettuati a beneficio delle Regioni per le quali la tassa automobilistica è gestita dall’Agenzia (Friuli Venezia Giulia e Sardegna). Il servizio è, inoltre, disponibile per le Regioni Marche, Sicilia e Valle D’Aosta.

Una volta effettuato l’accesso alla pagina principale, bisogna scorrere verso il basso a sinistra dove, tra le varie caselle, c’è quella dei «Servizi» e quindi selezionare «Calcolo bollo auto».

Nella pagina che si apre c’è un menu servizi a destra. L’ultima voce in basso è proprio quella che ti interessa: «Controllo pagamenti effettuati». Cliccando, visualizzerai una nuova pagina in cui trovi l’icona blu «Accedi al servizio».

Vedrai che si apre un’altra pagina ancora con una serie di campi da compilare, ovvero:

  • Regione di residenza;
  • categoria del veicolo;
  • targa del veicolo;
  • anno di pagamento.

Non devi fare altro che inserire i dati richiesti e ti apparirà se e quando hai pagato il bollo.

Bollo auto: come controllare i pagamenti sul sito dell’Aci

Chi non abita nelle regioni sopra citate, dove la tassa automobilistica viene gestita dall’Agenzia delle Entrate, e vuole controllare i bolli non pagati, può fare questa verifica sul sito dell’Aci.

La procedura è simile a quella da seguire sul portale delle Entrate. In pratica, effettuato l’accesso al sito dell’Aci:

  • in alto a sinistra, clicca su «Servizi», dopodiché su «Guide utili»;
  • seleziona «Guida al bollo auto»;
  • clicca sulla Regione che ti interessa;
  • infine, vai su Calcolo bollo auto;

Ti apparirà un’altra pagina: scorri fino in fondo e compila la griglia con i dati del veicolo e dell’intestatario. Ti apparirà se e quando hai pagato il bollo.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube