Cronaca | News

Passeggiate con i figli: la Lombardia le vuole vietare

1 Aprile 2020 | Autore:
Passeggiate con i figli: la Lombardia le vuole vietare

L’assessore Gallera: «La scelta del Viminale è irresponsabile, valuteremo un’ordinanza per vanificarla». Critica anche la Regione Campania.

La Regione Lombardia non manda giù la circolare dei Viminale che consente ad un solo genitore di poter fare una passeggiata con i figli minorenni nei pressi della propria abitazione. Una scelta, quella del ministero dell’Interno, che l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, boccia perché «irresponsabile».

Secondo Gallera, «quello che successo ieri è molto grave, questa circolare del ministero dell’Interno rischia di dare un messaggio devastante. Noi – ricorda l’assessore – sono sei settimane che combattiamo non solo con infermieri e medici che poi tutti applaudiamo ai balconi e osanniamo, ma anche i dirigenti e i tanti cittadini».

Gallera si augura «che i cittadini ignorino questa folle circolare, insensata e irresponsabile, e invece stiano a casa».

Ad ogni modo, per il responsabile lombardo del Welfare la vicenda non finisce qui: «Ora – anuncia Gallera – vedremo se c’è possibilità di attivare ordinanze o altro che vanifichino la circolare, lo valuteremo con il governatore Fontana e ragioneremo».

Se così fosse, non è detto che la Lombardia sia l’unica Regione a vietare le passeggiate con i figli appena autorizzate dal Viminale. Perché le critiche sono piovute anche da altre sedi, come quella campana, dove il presidente Vincenzo De Luca ha già mostrato la propria contrarietà al provvedimento. Il timore è che chi ha famiglia numerosa, portando fuori un figlio alla volta e, poi, magari anche il cane, si faccia più di mezza giornata fuori casa.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube