Diritto e Fisco | Articoli

Riparazione sempre dovuta dell’auto in garanzia

29 dicembre 2013


Riparazione sempre dovuta dell’auto in garanzia

> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 dicembre 2013



Ho acquistato un’auto nuova un anno e mezzo fa ma dà sempre problemi e il motore si blocca: ogni intervento fatto dalla concessionaria non ha mai risolto il guasto; posso pretendere la sostituzione del mezzo?

La legge stabilisce che il rivenditore di auto è responsabile nei confronti del compratore per tutta la durata del periodo di garanzia, che non può mai essere inferiore a due anni, per auto nuove, dal momento della consegna del veicolo. Tale garanzia riguarda qualsiasi vizio di conformità da cui l’auto risulti essere affetta.

Entro questo termine di due anni, dunque, l’acquirente ha diritto all’intervento in garanzia, consistente nell’eliminazione gratuita dei vizi riscontrati, con conseguente ripristino del bene. Se ciò non è possibile, è dovuta la sostituzione del mezzo.

In assenza di particolari esclusioni previste dall’estensione della garanzia sottoscritta, il cliente potrà pretendere l’intervento di riparazione, potendo in caso contrario agire giudizialmente per l’adempimento.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Prescindendo la Garanzia di Buon Funzionamento, riconosciuta dal venditore e/o dal costruttore del mezzo, nel caso sottoposto non credo si possano accettare eccezioni di sorta, infatti, mi sembra di aver capito che il veicolo, avente un anno e mezzo di vita, abbia presentato e presenti tutt’ora problematiche di funzionamento. Tale situazione si può configurare quale vero e proprio difetto di conformità del bene al contratto di vendita e il venditore, che a sua volta potrà fare rivalsa sul costruttore/distributore, deve intervenire ripristinando la conformità o sostituendo il bene. Tuttavia, pur nel rispetto dei diritti dei Consumatori, considerando le problematiche che occorrono frequentemente sui veicoli nuovi e la prassi con la quale le case costruttrici gestiscono tali inconvenienti, suggerirei di tentare, fin quando possibile la mediazione, con il venditore che a sua volta dovrà interagire con il costruttore o fornitore di turno.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI