Bonus baby-sitter: niente soldi fino a maggio

3 Aprile 2020 | Autore:
Bonus baby-sitter: niente soldi fino a maggio

Il voucher segue le regole del Libretto famiglia, pertanto la rendicontazione viene fatta al 3 del mese ed il pagamento avviene il giorno 15.

Bisognerà attendere il 15 maggio per vedere i primi soldi relativi al bonus baby-sitter previsto dal Governo per aiutare chi ha bisogno di una collaboratrice domestica che curi i figli rimasti a casa da scuola per l’emergenza coronavirus. Lo ha chiarito l’Inps.

Il bonus, a cui hanno diritto le baby-sitter che svolgono delle prestazioni occasionali dal 5 maggio al 30 aprile per un massimo di 15 giorni, viene erogato come alternativa al congedo straordinario Covid-19 e segue le regole del libretto di famiglia. Questo significa che la rendicontazione delle ore deve avvenire entro il giorno 3 del mese e che il pagamento avviene il giorno 15 dello stesso mese. Per capirci meglio: il 3 maggio verranno rendicontate le ore lavorate dal 5 marzo al 30 aprile ed il pagamento avverrà il 15 maggio.

Il voucher baby-sitter può essere richiesto dai dipendenti privati e dagli autonomi iscritti alle rispettive casse di previdenza o alla gestione separata dell’Inps. Questi lavoratori hanno diritto ad un bonus per un massimo di 600 euro. Quelli del settore sanitario e del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, invece, possono percepire fino a 1.000 euro.

L’agevolazione viene riconosciuta a chi ha figli fino a 12 anni di età e per un massimo di 15 giorni dal 5 marzo al 30 aprile o, comunque, fino alla ripresa delle lezioni (che, tanto, non avverrà prima di quella data). Spetta anche a genitori o affidatari di minori che non hanno compiuto 12 anni al 5 marzo, mentre per i figli disabili non c’è limite di età.


note

Autore immagine: Canva.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube