Cronaca | News

Coronavirus: «si ammala chi trasgredisce»

3 Aprile 2020
Coronavirus: «si ammala chi trasgredisce»

Il prefetto di Polizia di Parigi ha sostenuto che i ricoverati in rianimazione sono gli stessi che non avevano rispettato le misure di contenimento. Poi, le scuse.

I malati di coronavirus sarebbero coloro che hanno trasgredito alle norme sulle restrizioni. Anzi, più precisamente, i ricoverati in terapia intensiva coinciderebbero con coloro che non avevano rispettato le misure di contenimento.

Un’affermazione che ha dell’incredibile e sembra – come infatti è – inverosimile e assurda; ma è stata veramente pronunciata e non da un cittadino qualsiasi, ma da un prefetto, e questo ha dato clamore alla notizia; quasi come se un vescovo bestemmiasse.

Non è una gaffe italiana, ma francese: si tratta del prefetto di Polizia di Parigi, che, stando a quanto ci riporta l’agenzia stampa Adnkronos, ha detto: «Non serve essere soggetti a sanzioni per capire che coloro che oggi sono ricoverati, quanti stanno in rianimazione, sono gli stessi che all’inizio del periodo di restrizioni non le hanno rispettate».

Parole che hanno immediatamente innescato polemiche e anche numerose reazioni. È facile intuire, infatti, che il virus Covid-19 non fa distinzioni tra trasgressori e non e il contagio può colpire chiunque (anzi, da uno studio del Mit di oggi si apprende che potrebbe viaggiare anche nell’aria) anche se ovviamente viene favorito dai contatti e specialmente dal mancato rispetto delle regole di distanziamento sociale.

Così l’alto funzionario ha fatto retromarcia, si è scusato e ha espresso forte «rincrescimento» per la sua incauta affermazione. La Prefettura di Polizia di Parigi è l’unità del ministero degli Interni francese che fornisce servizi di polizia, servizi di emergenza e vari servizi amministrativi alla popolazione della città di Parigi e del suo hinterland. Un organo amministrativo, quindi, che ha direttamente a che fare con l’emergenza coronavirus ed è chiamato a gestirla.

In tutta la Francia i casi confermati di coronavirus sfiorano i 60mila. Per conoscere la propagazione in tutti gli Stati e regioni del mondo, consulta la nostra mappa di diffusione del Coronavirus aggiornata in tempo reale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube