L’esperto | Articoli

Donazione modico valore: ultime sentenze

29 Aprile 2021
Donazione modico valore: ultime sentenze

Riconoscimento del modico valore di una donazione; trasferimento di somme di denaro dal conto corrente del beneficiante a quello del beneficiario; nullità delle donazioni dirette effettuate dal de cuius; valutazione del valore della donazione.

Donazione: forma ed ipotesi di nullità

Ai sensi dell’art. 782 c.c. la donazione deve essere fatta per atto pubblico, a pena di nullità, salvo che si tratti di donazione di cosa mobile di modico valore. Ne consegue, dunque, la nullità di una donazione contenuta in una scrittura privata qualora riguardi un bene di ingente valore o qualora limiti il patrimonio del donante.

Corte appello Cagliari sez. I, 17/09/2020, n.465

Determinazione del modico valore

Ai fini del riconoscimento del modico valore di una donazione, l’art. 783 c.c. non detta criteri rigidi cui ancorare la relativa valutazione, dovendosi essa apprezzare alla stregua di due elementi di valutazione la cui ricorrenza, involgendo un giudizio di fatto ed imponendo il contemperamento di dati analitici, è rimessa all’apprezzamento del giudice di merito, insindacabile in sede di legittimità, se non ai sensi dell’art. 360, comma 1, n. 5, c.p.c.: quello obiettivo, correlato al valore del bene che ne è oggetto, e quello soggettivo, per il quale si tiene conto delle condizioni economiche del donante. Ne consegue che l’atto di liberalità, per essere considerato di modico valore, non deve mai incidere in modo apprezzabile sul patrimonio del donante.

Cassazione civile sez. II, 17/02/2020, n.3858

Donazione tipica ad esecuzione indiretta

In tema di atti di liberalità, il trasferimento, attraverso un ordine di bancogiro del disponente, di strumenti finanziari dal conto di deposito titoli del beneficiante a quello del beneficiario non rientra tra le donazioni indirette, ma configura una donazione tipica ad esecuzione indiretta, soggetta alla forma dell’atto pubblico, salvo che sia di modico valore, poiché realizzato non tramite un’operazione triangolare di intermediazione giuridica, ma mediante un’intermediazione gestoria dell’ente creditizio.

Da ciò deriva che, qualora tale donazione sia stata effettuata senza che sia stata formalizzata in un atto pubblico, la stessa è nulla, con la conseguenza che le somme oggetto di bonifico si considerano come mai uscite dalla sfera giuridica del donante, con il diritto di pretenderne la restituzione.

Tribunale Perugia sez. II, 07/03/2019, n.366

Donazione nell’ambito dei rapporti matrimoniali o more uxorio

Nell’ambito dei rapporti matrimoniali o anche more uxorio, è indubbio che le somme di danaro corrisposte da un coniuge all’altro rientrino nelle c.d liberalità d’uso, qualora di modico valore, o degli atti gratuiti a titolo di liberalità, per gli altri, dove la caratteristica fondante è costituita dalla scelta libera e consapevole del disponente di agevolare per finalità solidaristica, il proprio partner.

Tribunale Locri, 30/10/2019, n.1057

Elargizioni di denaro del de cuius di modico valore

Le elargizioni di denaro della de cuius allegate dagli appellanti e da A. e A.A. sono state comprovate con la produzione di copia degli assegni e che le stesse non sono state comunque contestate dai convenuti, quindi, passando ad affrontare nel merito la questione della nullità delle donazioni dirette effettuate dal de cuius, deve in primo luogo rilevarsi non pare meritevole di adesione l’assunto che considerano complessivamente l’ammontare delle elargizioni effettuate in favore di ciascun donatario per affermare la nullità delle donazioni complessivamente considerate per ciascuno, non essendo esse di modico valore.

Infatti deve essere tenuto in conto del fatto che le donazioni sono state effettuate nel corso degli anni, in un lasso di tempo esteso, talché non essendo stato neppure allegato che le dazioni succedutesi nel tempo debbano essere configurate quali esecuzione frazionata di una unica operazione, affermazione che può essere validamente sostenuta, in via di ragionevole presunzione, nell’ipotesi di più assegni emessi nella stessa data o ad un giorno di distanza, deve ritenersi che la valutazione della nullità per difetto di forma debba essere effettuata per ciascuna elargizione, salvo quanto appena detto su più dazioni effettuate in pari o contigua data, alla luce dell’art. 783 c.c..

Corte appello Cagliari sez. I, 20/02/2019, n.171

La donazione di una consistente somma di denaro

La donazione consistente in una dazione di denaro -non di modico valore- senza i requisiti di forma (atto pubblico, testimoni) non è valida ma nulla. Conseguentemente la persona che ha ricevuto tale somma di denaro è tenuta a restituirla.

Tribunale Arezzo, 28/08/2017, n.970

Il trasferimento di strumenti finanziari a mezzo banca

Il trasferimento per spirito di liberalità di strumenti finanziari dal conto di deposito titoli del beneficiante a quello del beneficiario realizzato a mezzo banca, attraverso l’esecuzione di un ordine di bancogiro impartito dal disponente, non rientra tra le donazioni indirette, ma configura una donazione tipica ad esecuzione indiretta; ne deriva che la stabilità dell’attribuzione patrimoniale presuppone la stipulazione dell’atto pubblico di donazione tra beneficiante e beneficiario, salvo che ricorra l’ipotesi della donazione di modico valore .

Cassazione civile sez. un., 27/07/2017, n.18725

Donazione di modico valore: la nullità dell’atto

La donazione, senza atto pubblico, dei diritti di utilizzazione economica di una “denominazione” (“I teppisti dei sogni”) è nulla, perciò l’atto è improduttivo di effetti. Pertanto la successiva cessione ad una casa discografica del diritto all’uso gratuito della denominazione, con riserva di proprietà per i soggetti che tale diritto hanno trasmesso, non è possibile, in quanto i soggetti in questione, alla data del trasferimento, non erano titolari di detta denominazione.

Anche nell’ipotesi di donazione di modico valore, l’atto sarebbe comunque nullo per mancanza dell’elemento della “tradizione”, non essendosi la donazione materializzata in una cosa concreta. Di nessuna rilevanza l’atto pubblico prodotto in data successiva, i cui effetti non possono retroagire alla data della prima donazione che, essendo nulla, non può essere sanata da un atto successivo.

Corte appello Roma, 05/02/2007

Modalità di valutazione del valore della donazione

L’art. 783 c.c. non detta un criterio rigido per stabilire la modalità di valutazione del valore della donazione, ma lascia ai giudici del merito un margine discrezionale in relazione alle circostanze particolari; ne consegue che l’atto di liberalità, per essere considerato di modico valore, non deve mai incidere in modo apprezzabile sul patrimonio del donante.

Tribunale Venezia sez. II, 24/10/2005, n.2166

Donazione di un autoveicolo di marca prestigiosa

La donazione di un autoveicolo di marca prestigiosa, anche se vetusto, e di una intera collezione di quadri non può certamente ritenersi di modico valore con la conseguenza che, ove non risulti stipulata per atto pubblico, essa è radicalmente nulla.

Tribunale Roma sez. XII, 24/03/2004

Come stabilire se la donazione ha modico valore?

Per stabilire se una donazione abbia o meno modico valore, ai fini della forma da adottare, occorre avere riguardo non già all’entità del “donatum” in sè, ma al rapporto tra il “donatum” ed il patrimonio del donante (nella specie, il tribunale ha ritenuto di modico valore la donazione di 50 milioni di lire, sul presupposto che il patrimonio del donante ammontasse ad oltre un miliardo di lire).

Tribunale Roma, 27/06/2003

L’apprezzamento del giudice di merito

Ai fini del riconoscimento del modico valore di una donazione, l’art. 783 c.c. non detta criteri rigidi cui ancorare la relativa valutazione, onde il giudizio in proposito è rimesso all’apprezzamento del giudice di merito la cui valutazione, involgendo un giudizio di fatto, è insindacabile in sede di legittimità, se congruamente motivata.

(Nella specie la Corte ha confermato la sentenza di merito che aveva escluso il modico valore di una donazione sulla base di un accertamento condotto sia sotto il profilo oggettivo, in relazione al valore del bene oggetto della donazione in sè considerato, sia sotto il profilo soggettivo, in relazione al fatto che la somma donata costituiva la quasi totalità del risparmio del donante).

Cassazione civile sez. II, 12/06/2001, n.7913

Condizioni economiche del donante

L’attribuzione gratuita di alcuni gioielli a favore della convivente “more uxorio” costituisce donazione di modico valore, dovendo questo essere commisurato non al valore in sè delle cose donate, ma alle condizioni economiche del donante. Anche a voler escludere la modicità del valore, si tratterebbe in ogni caso di liberalità d’uso, non soggetta ai requisiti formali prescritti per la donazione.

Tribunale Palermo, 03/09/1999



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube