Diritto e Fisco | Articoli

Rinnovo dell’incarico dell’amministratore di condominio anche automatico

9 Ottobre 2013


Rinnovo dell’incarico dell’amministratore di condominio anche automatico

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 Ottobre 2013



Possibile il rinnovo automatico senza bisogno di convocare l’assemblea.

L’amministratore di condominio – in prossimità della scadenza del suo incarico – deve convocare l’assemblea per la nomina del suo successore. Costituisce grave irregolarità il ripetuto rifiuto di provvedervi [1].

In particolare, egli deve convocare l’assemblea per l’approvazione del rendiconto annuale della gestione entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio. Il regolamento di condominio può prevedere termini diversi.

Nel frattempo, egli deve continuare a riscuotere i contributi sulla base del preventivo dell’anno precedente.

Si ritiene che sia possibile il rinnovo dell’amministratore anche in automatico, senza una delibera assembleare sul punto.

Si ritiene dunque che l’amministratore può anche evitare di convocare l’assemblea per la nomina del nuovo amministratore. Pertanto, se manca tale delibera assembleare di conferma egli non si deve ritenere cessato dalla carica. Questa, attualmente, sembra l’interpretazione prevalente.

note

[1] Art. 1129, n. 1 cod. civ.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI