Coronavirus: le ultime decisioni sulla scuola

6 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: le ultime decisioni sulla scuola

Ammissione in automatico agli esami di stato e promozione per decreto per tutte le altre classi: cosa porta oggi a Palazzo Chigi la ministra Azzolini.

Verrà presentato oggi a Palazzo Chigi il decreto elaborato dal ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, sulla nuova impostazione di quel che resta dell’anno scolastico 2019/2020, stravolto dall’emergenza coronavirus. Un decreto che, come abbiamo già anticipato, promuoverà tutti gli studenti della scuola dell’obbligo e modificherà sostanzialmente gli esami di Stato della terza media e della Maturità.

Partendo da quest’ultima, il Miur ha deciso di ammettere in automatico all’esame tutti i ragazzi dell’ultimo anno del liceo e gli oltre 500mila aspiranti, indipendentemente dal fatto che le lezioni riprendano o meno il 18 maggio. «Saltano», quindi, i requisiti solitamente richiesti per partecipare alle prove Invalsi in italiano, matematica e inglese e lo svolgimento delle ore minime di alternanza scuola-lavoro.

Se si rientrerà a scuola prima del 18 maggio, le prove saranno tre, cioè due scritte e una orale. La seconda, cioè quella di indirizzo, non sarà decisa a livello nazionale ma stabilita dalle singole commissioni, in modo da agevolare gli studenti. Se, invece, si tornerà in aula dopo il 18 maggio, ci sarà una prova unica: un colloquio da sostenere, eventualmente, anche a distanza.

Per superare la Maturità occorrerà, comunque, un voto minimo di 60, al quale influiranno anche le valutazioni espresse durante il tempo di didattica a distanza. Quindi, nessuna promozione «a priori»: il rischio di bocciatura esiste.

Non sarà così, invece, per gli studenti delle altre classi, che verranno promossi per decreto anche se hanno delle insufficienze: dovranno assolverle il prossimo anno. Per evitare che i ragazzi si portino dietro i debiti per troppo tempo, l’inizio dell’anno scolastico 2020/2021 potrebbe essere fissato il 1° settembre, in modo da guadagnare tempo.


note

Autore immagine: Canva.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube