Coronavirus: niente licenziamento a chi ha la 104 e assiste un disabile

6 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: niente licenziamento a chi ha la 104 e assiste un disabile

Non va applicata la giusta causa se il lavoratore deve assentarsi per assistere un parente disabile rimasto a casa per la chiusura del centro che frequenta.

Il lavoratore che assiste una persona convivente con disabilità non potrà essere licenziato se si assenta dal lavoro a causa della chiusura dei centri socio-assistenziali, purché riesca a comunicare e a motivare al datore di lavoro la propria esigenza. Lo stabilisce il decreto Cura Italia approvato dal Governo nell’ambito dell’emergenza coronavirus e ora all’esame del Senato (l’approvazione è attesa per questa settimana). Un provvedimento che interessa genitori o parenti di persone disabili e che si aggiunge al divieto di licenziamento per 60 giorni contenuto nel decreto.

Questo significa che, a meno di improbabili sorprese, dal 17 marzo 2020 (data dell’entrata in vigore del provvedimento) non è possibile procedere a un licenziamento collettivo e restano sospese le procedure avviate al 23 febbraio scorso e rimaste in sospeso. Vietati, inoltre, i licenziamenti per giustificato motivo oggettivo, cioè per cause economiche.

Per quanto riguarda i genitori o i parenti dei disabili conviventi, questi lavoratori non possono essere licenziati per giusta causa prima del 30 aprile 2020 se devono assentarsi dal lavoro per assistere la persona con disabilità rimasta a casa per la chiusura dei centri frequentati.

Più a larga scala, invece, restano interdetti fino al 15 maggio 2020 i licenziamenti di massa per messa in mobilità o per riduzione del personale. Vuol dire che non è consentito lasciare definitivamente a casa un lavoratore interessato dalla cassa integrazione straordinaria e che non è nemmeno possibile licenziare almeno cinque lavoratori, nell’arco di 120 giorni, per attuare una riduzione o una trasformazione di attività o di lavoro o per cessazione dell’attività.

Questa norma, però, non interessa i licenziamenti per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo, come non viene applicato per il cosiddetto «licenziamento ad nutum», cioè quelli avviati nei confronti del lavoratore domestico o per raggiungimento dell’età pensionabile per limiti di età. Ammesso anche il licenziamento per superamento del periodo di comporto (nel quale non rientra, però, il periodo di quarantena) e quello nei confronti dei dirigenti.


note

Autore immagine: Canva.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube