Cronaca | News

Coronavirus: in arrivo la fase 2 con qualche riapertura

6 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: in arrivo la fase 2 con qualche riapertura

Settimana decisiva per un eventuale allentamento delle restrizioni. Il presidente dell’Iss: curva in discesa, cominciamo a pensarci.

L’assist arriva dal presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro: «La curva ha iniziato la discesa – ha detto durante l’ultima conferenza stampa sull’andamento dell’epidemia di coronavirus in Italia – e comincia a scendere anche il numero dei morti. Dovremo cominciare a pensare alla fase 2 se questi dati si confermano». Brusaferro non usa il condizionale: «Dovremo cominciare», dice il capo dell’Iss.

Questo, come ribadito più volte nel corso dell’incontro quotidiano con i giornalisti, non significa che possiamo allentare di colpo la corda e abbassare la guardia, ma vuol dire che è possibile immaginare uno scenario meno restrittivo di quello attuale. E proprio a questo lavorerà per tutta la settimana il Governo, visto che il 13 aprile arriva tra 7 giorni e che entro quella giornata di Pasquetta Giuseppe Conte dovrà dirci se intende prorogare o modificare l’attuale Dpcm in vigore. In altre parole, l’assist di Brusaferro potrebbe essere raccolto dalla Presidenza del Consiglio per decretare le prime riaperture di alcune attività produttive.

Il presidente dell’Iss alimenta qualche speranza in questo senso: «E’ evidente che la curva ha raggiunto il suo plateau e adesso ha iniziato la discesa. Abbiamo vari indicatori, tra cui quelli sui decessi. Il numero dei nuovi casi – commenta Brusaferro – è in fase decrescente e ci aspettiamo che anche i decessi vadano in decrescita. L’atteso è che nei prossimi giorni vedremo ancora questo trend diminuire» conclude.

Una traiettoria che incoraggia Conte ma che non gli fa perdere la cautela: «In questo momento – avverte il presidente del Consiglio in un’intervista al network americano Nbc – non posso dire quando il lockdown avrà fine. Noi stiamo seguendo le indicazioni del comitato scientifico ma l’Italia è stata la prima nazione ad affrontare l’emergenza. La validità delle nostre misure è stata riconosciuta dall’Oms e i risultati indicano che noi siamo sulla strada giusta».

Che cosa può decidere il Governo da qui a Pasquetta? L’ipotesi più plausibile è quella della riapertura delle aziende del settore polimeccanico, fondamentale per la filiera alimentare, dal 14 aprile. Si punta anche al rilancio della produzione agricola, e non soltanto per far lavorare chi si sporca le mani con la terra ma anche chi utilizza i mezzi agricoli (un trattore, ad esempio) e deve avere la garanzia di trovare un pezzo di ricambio o un meccanico a disposizione se si presenta un guasto.

Per quanto riguarda i raccolti, da qualche giorno, si lavora per aprire una sorta di corridoio con la Romania in modo da importare mano d’opera dall’Est. Il tentativo è quello di scongiurare l’ipotesi di dover buttare via tonnellate di prodotti e di costringere i supermercati ad acquistare la merce all’estero.

Nessuna novità, invece, per quanto riguarda bar e ristoranti, che – a meno di qualche ripensamento – dovrebbero rimanere chiusi fino a maggio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Salve,
    si sa qualcosa invece per quanto riguarda i cantieri privati? Io stavo ristrutturando la casa che ho acquistato mentre ora sono in affitto. I lavori erano quasi finiti ed avevo anche comunicato al mio padrone di casa che sarei andato via, e mi ha gentilmente concesso di rimanere. Sto pagando però attualmente mutuo ed affitto insieme, non è una spesa che posso permettermi a lungo termine. Esiste la possibilità di richiedere qualche eccezione per continuare i lavori (sempre se la ditta è d’accordo a continuare ovviamente)?
    Grazie.

  2. Siamo anche noi nella Stessa situazione, stiamo ristrutturando una casa e vorremmo sapere quando è possibile riprendere i lavori interni di ristrutturazione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube