Prestiti imprese: le nuove regole del decreto liquidità

6 Aprile 2020
Prestiti imprese: le nuove regole del decreto liquidità

Garanzia statale estesa al 100% per i finanziamenti di importo inferiore a 800mila euro. L’importo concedibile sarà il 25% del fatturato 2019.

Il Consiglio dei ministri in corso sta varando il nuovo decreto Liquidità che – tra i provvedimenti finalizzati alla ripresa economica dall’emergenza Coronavirus – stabilisce le regole per i prestiti alle imprese.

Secondo le anticipazioni che la nostra agenzia Adnkronos ci fornisce in redazione, il Governo avrebbe trovato la quadra e si accinge a dare via libera al provvedimento definitivo. Le nuove misure di accesso al credito in approvazione oggi sono le seguenti:

  • fino a 25mila euro le banche erogheranno il finanziamento con garanzia dello Stato al 100% “senza alcuna valutazione del merito del credito”;
  • prestito del 25% sul fatturato 2019 garantito al 100% (90% dallo Stato e 10% da Confidi), fino a un massimo di 800mila euro e “senza valutazione dell’andamento dell’azienda”;
  • oltre 800mila di importo del finanziamento la garanzia scende al 90%, con un importo massimo concedibile di 5 milioni di euro.

Il pacchetto di liquidità riguarda anche i professionisti e le imprese fino a 499 dipendenti. Riesce a mobilitare risorse per 750 miliardi di euro, 400 in più rispetto ai 350 miliardi già previsti nel decreto legge Cura Italia. Il fondo per le piccole e medie imprese viene potenziato di ulteriori 7 miliardi.

Viene rafforzato il ruolo di Sace (società controllata dalla Cassa depositi e prestiti) anche nel campo dell’export e del sostegno alla internazionalizzazione delle imprese. In particolare, si mobilitano 200 miliardi di prestiti con garanzie fino al 90% per tutte le imprese, senza limiti di fatturato, e altri 200 miliardi di crediti destinati al sostegno dell’export. La Sace per queste erogazioni risponderà direttamente al ministero dell’Economia anziché alla Cassa depositi e prestiti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube