Cronaca | News

Coronavirus: l’Austria inizia a riaprire dopo Pasqua

6 Aprile 2020
Coronavirus: l’Austria inizia a riaprire dopo Pasqua

Dal 14 aprile le prime riaperture di negozi; a seguire centri commerciali e parrucchieri, infine alberghi e ristoranti. Scuole chiuse fino a metà maggio. 

C’è un Paese europeo confinante con l’Italia che sta già uscendo dall’emergenza e avviando la fase 2 della ripresa: si tratta dell’Austria, dove oggi il primo ministro Sebastian Kurz ha annunciato in videoconferenza che inizierà ad allentare le restrizioni imposte per il Coronavirus dopo Pasqua.

Il capo del Governo austriaco ha detto, in videoconferenza seguita dalla nostra agenzia stampa Adnkronos, che a partire dal 14 aprile potranno riaprire alcuni esercizi commerciali, come i piccoli negozi fino a 400 metri quadri, a patto che osservino rigidamente le misure di distanziamento.

Il 1°maggio potranno riaprire nuovamente tutti i negozi, centri commerciali e parrucchieri mentre alberghi e ristoranti resteranno chiusi fino a metà maggio. Le restrizioni sui movimenti rimarranno in vigore fino alla fine di aprile, le scuole resteranno chiuse fino a metà maggio. Per gli eventi, come i concerti e gli spettacoli, bisognerà aspettare l’estate. Invece, a quanto è dato apprendere, le frontiere potrebbero rimanere chiuse ancora a lungo.

“La rapida reazione di chiusura ci dà ora l’occasione per uscire dalla crisi con maggiore rapidità”, ha dichiarato Kurz. “Ma solo se continueremo a seguire le misure adottate e resteremo uniti come lo siamo stati”.

Sempre oggi, il governo di Vienna ha triplicato la somma di denaro disponibile per le società che adottano politiche di lavoro a orario ridotto. I ministri austriaci delle Finanze e del Lavoro hanno annunciato un incremento fino a 3 miliardi di euro, “Il lavoro a orario ridotto introdotto con la crisi del Coronavirus ha permesso di salvare circa 400mila posti di lavoro in Austria finora”, ha dichiarato la ministra del Lavoro Christine Aschbacher.

I casi confermati di contagio in Austria sono 12mila e 200 i decessi legati al Covid-19. Dopo l’Austria, a breve altri Stati europei come la Repubblica Ceca e la Danimarca potrebbero allentare le proprie misure restrittive attualmente in vigore.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube