Coronavirus: come ottenere la patente di immunità

7 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: come ottenere la patente di immunità

Pronto il test per rilevare gli anticorpi nelle persone guarite. Costi molto bassi e risultati entro 15 minuti. Ecco come funziona.

Il test è pronto, elaborato in Italia e disponibile ad un costo più che accessibile. Stanno per partire gli esami del sangue per capire chi ha sviluppato gli anticorpi al coronavirus e, di conseguenza, chi può ottenere la patente di immunità.

Lo studio e la sperimentazione sono stati fatti al Policlinico San Matteo di Pavia. Il test verrà lanciato dalla multinazionale italiana DiaSorin, con sede in provincia di Vercelli. La certificazione europea dovrebbe arrivare entro un paio di settimane. Questo sistema esclude tutti i precedenti: i kit distribuiti finora sono stati dichiarati poco efficaci.

Quello sviluppato nei laboratori italiani, invece, consente di rilevare chi è entrato a contatto con il Covid-19, è guarito ed ha sviluppato gli anticorpi che lo rendono immune al coronavirus. Ovvero, permette di assegnare la cosiddetta patente di immunità, perché il paziente (o meglio, l’ex paziente) non si ammalerà una seconda volta.

Il test è piuttosto semplice e veloce. Viene fatto, innanzitutto, un normale prelievo del sangue, che finisce in una particolare macchina dove entra in contatto con la proteina sintetica prodotta in laboratorio a partire dal virus Sars-Cov-2. Il sistema verifica l’eventuale legame tra la proteina e l’anticorpo che impedisce al virus di replicarsi nelle cellule umane e lo evidenzia con un segnale luminoso. Costa meno di 5 euro ed il risultato è pronto in appena 15 minuti. Il test andrebbe ripetuto a distanza di tempo (ancora da definire) per valutare quando dura l’immunità.

La prima fase dovrebbe riguardare le persone che, ad oggi, sono state dichiarate guarite dal coronavirus, mentre in un secondo momento si vorrebbe arrivare ai milioni di persone che possono aver contratto il Covid-19 senza rendersene conto, cioè i cosiddetti asintomatici.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube