Diritto e Fisco | Articoli

Cosa usufruire dei permessi di lavoro rol?

11 Aprile 2020
Cosa usufruire dei permessi di lavoro rol?

Cosa sono i permessi per riduzione orario di lavoro e come posso usufruirne? 

La sigla rol indica il permesso per “riduzione orario di lavoro” che i contratti collettivi nazionali di lavoro riconoscono ai lavoratori dipendenti a cui i contratti collettivi stessi si applicano.

Si tratta in sostanza di un monte ore di permessi retribuiti con una disciplina che varia a seconda del contratto collettivo nazionale di riferimento (la loro finalità è quella di consentire ai lavoratori un recupero di energie fisiche e psichiche).

Ciò vuol dire che a seconda del contratto collettivo nazionale applicabile ci sarà una disciplina diversa soprattutto per quanto riguarda l’ammontare di essi e le modalità con le quali il lavoratore può fruirne.

Tuttavia esistono alcuni punti nella disciplina dei rol che nei diversi contratti collettivi nazionali sono disciplinati più o meno alla stessa maniera (è sempre comunque essenziale verificare cosa prevede il proprio contratto collettivo nazionale):

  • il contratto collettivo dà di solito al datore di lavoro l’ultima parola sulla concessione o meno del permesso rol richiesto dal lavoratore (dopo aver valutato sia le esigenze del ciclo produttivo che quelle personali che il lavoratore gli ha manifestato);
  • essi possono non solo essere richiesti dal lavoratore al proprio datore di lavoro, ma può anche essere il datore di lavoro che decide di propria iniziativa di collocare il proprio dipendente in permesso retribuito rol;
  • devono essere fruiti entro un determinato arco temporale stabilito dal contratto collettivo nazionale e, in mancanza, sono liquidati in busta paga senza più che il lavoratore possa fruirne;
  • è talvolta previsto nei contratti collettivi nazionali che il lavoratore possa chiedere in forma scritta al proprio datore di lavoro la liquidazione (cioè la monetizzazione) dei rol in busta paga.

I permessi rol sono generalmente retribuiti (se fruiti) e liquidati (se monetizzati) come se fossero ore lavorate, sono soggetti ad Irpef e imponibili ai fini della contribuzione Inps e i relativi compensi devono risultare dal cedolino o dalla busta paga.

Occorre infine sottolineare che in caso di vigenza di un contratto aziendale, esso può prevedere una disciplina ancora più particolareggiata dei rol applicabile ai lavoratori dipendenti della singola azienda a cui il contratto aziendale si applica.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube