Tech | News

Whatsapp limita l’invio dei messaggi in chat

7 Aprile 2020
Whatsapp limita l’invio dei messaggi in chat

La piattaforma consentirà di inoltrare i messaggi a una sola chat per volta; una regola per evitare il replicarsi di messaggi virali e fake news.

L’emergenza Coronavirus cambia le regole anche per WhatsApp, il programma di messaggistica privato più usato nel mondo: la società annuncia oggi in un blogpost, riportato dall’Adnkronos, che d’ora in poi l’inoltro dei messaggi sarà possibile a una sola chat per volta (finora era possibile farlo fino a 5 contemporaneamente).

WhatsApp espone che “lo scorso anno abbiamo presentato la funzione che consente di riconoscere i messaggi che sono stati inoltrati molte volte. Si tratta di un’etichetta dotata di una doppia freccia, che contraddistingue i messaggi di dubbia provenienza. A partire da oggi, questi messaggi potranno essere inoltrati a una sola chat alla volta” sottolinea la piattaforma.

Si tratta di un modo per limitare la propagazione incontrollata di messaggi pubblicitari, fake news e catene di sant’Antonio, ma anche di un tentativo di alleggerire la rete dal traffico: “WhatsApp è stata concepita come uno strumento di messaggistica privata e nel corso degli anni abbiamo adottato diverse misure che hanno contribuito a proteggere la natura privata delle conversazioni dei nostri utenti” spiega la società e ricorda che “quando, ad esempio, abbiamo imposto dei limiti alla funzione d’inoltro per contenere la propagazione di contenuti virali, il numero dei messaggi inoltrati a livello globale è calato del 25%” sottolinea il blogpost.

Per il resto, WhatsApp rassicura che non ci saranno altre limitazioni d’utilizzo: “In questo particolare momento di emergenza, durante il quale miliardi di persone non possono vedere amici e parenti a causa della pandemia di Covid-19, WhatsApp si conferma un valido alleato per comunicare non solo con i propri cari, ma anche con medici e insegnanti”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube