Diritto e Fisco | Articoli

Valida l’ingiunzione della banca anche se porta interessi usurari

10 ottobre 2013


Valida l’ingiunzione della banca anche se porta interessi usurari

> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 ottobre 2013



Il decreto ingiuntivo resta valido, ma al netto degli interessi ultralegali, calcolati dal consulente tecnico d’ufficio.

 

Non serve a nulla opporsi contro il decreto ingiuntivo notificato dalla banca al cliente moroso, limitandosi a contestare il calcolo di interessi usurari. Infatti, in tali casi, l’ingiunzione resta pienamente valida ed il giudice, all’esito di una perizia affidata a un consulente, si limiterà solo a calcolare la somma dovuta dal debitore al netto degli interessi illeciti.

A infrangere ogni speranza di quanti hanno maturato un debito con la propria banca è una sentenza della Cassazione pubblicata ieri [1].

Secondo il ragionamento della Suprema Corte, se il correntista si accorge che l’Istituto di Credito gli ha chiesto – nel decreto ingiuntivo – interessi ultralegali, fa bene a proporre opposizione. Tuttavia, non si illuda che, così facendo, possa azzerare (o meglio, annullare) ogni pretesa della banca. Al contrario, in tale ipotesi, si aprirà un normale giudizio, nel corso del quale il giudice nominerà un consulente tecnico, proprio col compito di accertare il tasso praticato dal creditore e scorporare le somme non dovute.

L’opera del consulente, infatti, in questi casi, consente di detrarre la differenza fra interessi legali e ultralegali.

Al correntista “in rosso” non resta dunque che pagare il “buco”, anche se ridimensionato nell’ammontare.

note

[1] Cass. Sent. N. 22924/13 del 9.10.2013.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI