Cronaca | News

Coronavirus: così la sarà la Fase 2

8 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: così la sarà la Fase 2

Ecco l’orientamento del Governo: prime riaperture delle aziende dopo Pasquetta, dal 4 maggio meno restrizioni su spostamenti. Il tutto nella massima sicurezza.

Prima la riapertura delle aziende, poi l’allentamento delle restrizioni per i cittadini. Sarà strutturata in questi due momenti la Fase 2 dell’emergenza coronavirus, secondo l’orientamento che emerge dal lavoro del Governo e del Comitato tecnico scientifico, in vista della scadenza del decreto del presidente del Consiglio, prevista per il 13 aprile.

Saranno le aziende le prime a rianimare lentamente il volto dell’Italia, paralizzato dai primi di marzo dal Covid-19. Dopo Pasquetta, ci saranno le prime riaperture delle attività produttive, a partire dalle filiere alimentare, farmaceutica e sanitaria ma anche dall’agricoltura e dalle aziende meccaniche. Con tutte le cautele e con la necessaria sicurezza, perché se la curva dei contagi riprende a salire bisognerà ricominciare tutto daccapo. Il secondo momento, invece, arriverà non prima della fine di aprile: per poter iniziare a uscire di casa e a fare i primi spostamenti, pur mantenendo tutte le misure di sicurezza del caso, occorrerà far passare il week end lungo del 1° maggio: si parla del 4 maggio.

E mentre l’Istituto superiore di sanità chiede ancora un paio di giorni per confermare la linea discendente dei contagi, il premier Giuseppe Conte si prepara a vedere nelle prossime ore i sindacati e i rappresentanti degli imprenditori. Ci saranno anche dei contatti con i presidenti delle Regioni. In entrambi i casi, si parlerà delle condizioni per fare il primo giro di chiave e iniziare a riaprire il Paese. Oggi e domani andrà così. Venerdì, Conte tirerà le somme e, aggiungendo le considerazioni del Comitato tecnico scientifico sull’andamento dell’epidemia, preparerà il nuovo Dpcm in modo da averlo pronto prima del giorno di Pasqua.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube