Lifestyle | Articoli

Come evitare che il cane faccia pipi sui muri

3 Luglio 2020 | Autore: Roberta Jerace
Come evitare che il cane faccia pipi sui muri

Perché i cani fanno pipì sui muri; come evitare che il cane faccia pipì sui muri; denuncia al padrone del cane che fa pipì in condominio.

Il tuo amico a quattro zampe è un compagno fedele ed è certamente un membro della famiglia a pieno titolo. Tuttavia, rientra nella sua natura quel comportamento che prevede di marcare il territorio con la sua urina. Si tratta quasi sempre di una condotta del tutto naturale ma che potrebbe creare qualche problema con i vicini di casa o gli abitanti del quartiere, perciò è meglio sapere come evitare che il cane faccia pipì sui muri.

Il primo modo per evitare che il cane faccia pipì dove non dovrebbe è quello di abituarlo bene fin da piccolo a fare i suoi bisogni nei luoghi giusti. Ma non temere, anche se il tuo cane ha preso delle brutte abitudini, esistono dei rimedi efficaci per correggere questi comportamenti.

Premiare il quadrupede per aver seguito le tue indicazioni è la soluzione più veloce e quella che garantisce i migliori e più duraturi risultati. Ma esistono anche altre soluzioni come l’acquisto dei repellenti per la pipì dei cani, o la realizzazione di repellenti con semplici ingredienti casalinghi da portare sempre con te per dissuadere l’amico a quattro zampe dal fare la pipì sui muri.

In ogni caso, per scongiurare una richiesta di risarcimento da parte dei condomini che non tollerano più l’odore, meglio lavare via la pipì del cane con della semplice acqua da portare in bottiglietta durante le passeggiate quotidiane.

Perché i cani fanno pipì sui muri

Avrai certamente notato che quando porti in giro il tuo amico a quattro zampe sceglie diversi posti per depositare la sua pipì, si può trattare di paracarri, alberi, ruote delle macchine, pali e soprattutto il tuo cane fa pipì sui muri.

Devi sapere che per i cani la pipì non ha solo la funzione fisiologica di far loro svuotare la vescica, ma serve anche a marcare il territorio. Con questa espressione si intende la capacità da parte dei cani di lasciare tracce odorose per comunicare con i propri simili; questi ripetuti spruzzi di urina consentono di lasciare e raccogliere informazioni su molti aspetti: l’età dell’animale, il sesso, lo stato di salute, il periodo ormonale e la disponibilità all’accoppiamento; altri messaggi riguardano l’appartenenza del territorio, che può riguardare sia i luoghi sia gli oggetti che le persone, la gerarchia sociale e l’autorità del quadrupede.

Proprio per lasciare il maggior numero di informazioni il cane tende a spruzzare più in alto possibile e non solo a terra dove gli odori si disperdono più velocemente, per spostarsi su superfici verticali la tecnica migliore è appunto quella di alzare la zampa per fare pipì.

Solitamente, questo comportamento appartiene ai cani adulti di sesso maschile, mentre i cuccioli e le femmine preferiscono accucciarsi, tuttavia non è insolito che anche le femmine alzino la zampa per fare la pipì sui muri, puoi stare tranquillo perché si tratta anche in questo caso di un comportamento naturale e non patologico in alcun modo.

Come evitare che il cane faccia pipì sui muri

Abbiamo spiegato come l’abitudine del cane a fare la pipì sui muri sia del tutto normale ma potrebbe essere un problema se questo avviene nei pressi del tuo condominio o del tuo quartiere e vuoi evitare che i vicini protestino legittimamente.

Uno dei primi modi per evitare che il cane faccia pipì nei posti sbagliati è il rinforzo positivo. Si tratta di una tecnica particolarmente efficace negli animali domestici e consiste essenzialmente nel premiare i comportamenti positivi del cane. Basterà che tu dia un premio, una coccola e un complimento al tuo cucciolo quando fa la pipì nel posto giusto e vedrai che imparerà molto velocemente a non fare pipì sui muri.

Può sembrare una soluzione banale ma quando il tuo cane sta per fare pipì dove non dovrebbe puoi provare semplicemente a battere le mani per sorprendere il cane e accompagnarlo in un luogo più consono a espletare il suo bisogno.

In commercio, puoi trovare dei repellenti per cani. I cani possiedono da 150 ai 300 milioni di cellule olfattive (ben altra cosa rispetto ai 5 milioni possedute dagli esseri umani) e i disabituanti olfattivi per cani in formato spray emanano degli odori molto forti, che risultano fastidiosi per il tuo amico peloso, ma che non rappresentano in alcun modo un rischio poiché non sono nocivi per la salute. Le formulazioni possono essere sia per interni che per esterni e sono solitamente a base di quelli che noi consideriamo profumi ed essenze naturali come eucalipto, menta, pino, vaniglia. Basterà vaporizzarlo dove desideri un paio di volte la settimana per evitare che il tuo cane depositi in quel punto le sue urine.

Puoi realizzare un repellente per cani fatto in casa con sostanze che certamente ritroverai tra le tue mura domestiche. Il più semplice che puoi realizzare è quello con aceto e bicarbonato, basterà mescolare qualche cucchiaino di bicarbonato in un po’ di aceto e successivamente diluire la soluzione in acqua, metti il tutto in uno spruzzino e vaporizza sulle superfici interessate dal problema.

Un altro composto è quello da creare con il pepe di cayenna, usa un cucchiaino di pepe per 10 cucchiaini di acqua, mescola bene il prodotto e utilizzalo come dissuasore. Non preoccuparti se al tuo cucciolo provocherà qualche starnuto, si tratta di una reazione completamente innocua. Tra i più gradevoli da realizzare vi sono, infine, i repellenti olfattivi a base di oli essenziali di agrumi. Limoni, arance, mandarini e pompelmi rappresentano già degli odori insopportabili per il tuo cane ma ben peggiore cosa sono gli oli essenziali che sono un concentrato particolarmente intenso di queste note olfattive. Anche in questo caso, basterà vaporizzare una soluzione concentrata o diluita di questi oli essenziali per ottenere l’effetto desiderato.

Un altro prodotto che puoi acquistare è un collare a base di ormoni sintetici. Ancora una volta si sfrutta il senso dell’olfatto canino, ma in tale caso questi dispositivi sono utilizzati per tranquillizzare gli animali che possono giovare dell’effetto rasserenante dei ferormoni sintetici, questi, infatti, imitano quelli secreti dalla madre che allatta. Basterà cambiare il collare una volta al mese per avere un animale più docile a cui insegnare con tutta calma dove fare la pipì.

La castrazione potrebbe essere una soluzione ma non è particolarmente efficace poiché il 50-60% dei cani castrati continua a fare la pipì sui muri. Se decidi per questa soluzione ricorda che è opportuno farlo quando il cane è ancora piccolo o comunque prima che raggiunga la maturità sessuale per prevenire l’eventualità che in età adulta le pipì non controllate persistano.

Come impedire al cane di fare pipì sui muri di casa

Il problema del cane che fa la pipì dove non dovrebbe potrebbe verificarsi anche nei pressi o all’interno della tua abitazione. In questi casi, è possibile intervenire in diversi modi. In primo luogo, devi essere in grado di riconoscere se il tuo amico a quattro zampe sta marcando il territorio o semplicemente non è riuscito a trattenere la pipì. Stabilirlo è possibile attraverso il quantitativo di pipì che il cane fa a casa. Se si tratta di un piccolo quantitativo su superfici verticali come porte, gambe del tavolo o muri si tratta della prima ipotesi, se invece noti un quantitativo più consistente lasciato sul pavimento si tratta quasi certamente della seconda ipotesi.

Se il problema del tuo cagnolino è l’ansia da separazione e quindi la marcatura del territorio avviene quando stai per uscire o sei fuori casa, puoi provare ad alleviare il suo stress lasciando un oggetto con il tuo odore al cane, otterrai l’effetto di tranquillizzarlo e attenuare il problema.

Cerca di sorprendere il cane nel momento in cui sta per marcare il territorio e prova a correggere immediatamente il suo comportamento, in questo caso il cane capirà che sta per sbagliare. Accorgersi che il cane sta per fare pipì è possibile se lo osservi con attenzione, potresti infatti notare alcuni atteggiamenti abituali che precedono l’atto della marcatura come annusare o girare intorno alla stessa zona. In questo caso, prepara un facile dissuasore casalingo, basterà che tu ti doti di una bottiglietta con sassolini e che la agiti per distrarlo e far convergere la sua attenzione su di te al momento incriminato. A questo punto. potrai dirgli “NO” con fermezza ma senza aggressività e portarlo fuori a svuotare la vescica.

I cani, come abbiamo già detto, hanno un olfatto particolarmente sviluppato quindi sarà necessario detergere molto bene la zona che ha marcato, dovrai tuttavia utilizzare detergenti non a base di ammoniaca poiché questa sostanza è contenuta anche nelle urine e non farà altro che invogliare il cane a rimarcare il suo territorio, meglio utilizzare un detergente enzimatico specifico.

Per i tuoi spazi casalinghi, il rinforzo positivo appare la soluzione più efficace. In ogni caso, se ti accorgi troppo tardi del regalino lasciato dal tuo cane non è più il caso di rimproverarlo poiché il cane vive solo nel presente e non ha memoria del comportamento passato, perciò penserà che tu lo stia rimproverando per qualcosa che sta facendo in quel momento e non in un passato imprecisato. È facilmente deducibile che quindi sarà inutile rimproverare il cane in ritardo.

Denuncia al padrone del cane che fa pipì in condominio 

Quando gli odori lasciati dai bisogni del cane superano la normale soglia di tollerabilità e sono avvertibili anche a distanza, si può configurare sia un illecito civile, sia un illecito penale. I cittadini che avvertono questo problema possono procedere in due modi:

  • richiedere il risarcimento intraprendendo una causa ordinaria e ottenere anche che venga ordinato al padrone del quadrupede di impedire che gli stessi eventi vengano perpetrati in futuro;
  • denunciare il padrone del cane che fa pipì per il reato di getto pericoloso di cose, che può comprendere una pena che prevede l’arresto fino a un mese o un’ammenda fino a 206 euro.

Un modo semplice per scongiurare l’illecito penale è quello di portare sempre con te una bottiglietta d’acqua e lavare via la pipì lasciata dal tuo cane: il problema non sarà risolto, ma sarà più facilmente tollerabile dai tuoi vicini.

Cosa si può fare e cosa si deve evitare in condominio con gli animali domestici? GUARDA IL VIDEO



Di Roberta Jerace


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube