Permessi 104 aumentati: come fruirne entro aprile

8 Aprile 2020 | Autore:
Permessi 104 aumentati: come fruirne entro aprile

Ci sono 12 giornate in più di congedo retribuito per assistere disabili e invalidi nel bimestre marzo-aprile: l’Inps chiarisce come utilizzarli.

Il decreto Cura Italia [1] ha esteso i classici 3 giorni mensili di permesso retribuito ai sensi della Legge 104/92 per i lavoratori disabili o per l’assistenza a familiari gravemente invalidi, aggiungendo altri 12 giorni per il bimestre marzo-aprile 2020 a causa dell’emergenza Coronavirus.

Perciò, per i mesi di marzo e aprile, il numero complessivo dei giorni fruibili diventa pari a 18, così suddiviso: 3 a marzo, 3 ad aprile e 12 da distribuire nel bimestre.

Ma quando possono e devono essere utilizzati? L’Inps ha emanato in proposito una circolare [2] in cui stabilisce che i 12 giorni in più «possono essere fruiti anche consecutivamente nel corso di un solo mese», ferma restando la fruizione dei 3 giorni base nel mese cui si riferiscono. Inoltre i giorni aggiuntivi di permesso 104 sono anche frazionabili in ore, come avviene di consueto per i giorni base.

Per chi lavora part-time o soltanto alcuni giorni del mese, la circolare Inps fornisce anche il metodo di calcolo da utilizzare per proporzionare le 12 giornate al periodo effettivo: bisogna dividere l’orario medio settimanale del part time per l’orario teoricamente eseguibile con il tempo pieno e moltiplicare questo risultato per 12 in modo da ottenere il numero dei giorni effettivi di permesso 104 spettanti a quel lavoratore.

C’è poi il caso di chi assista più di un disabile o invalido: in tale ipotesi i giorni di permesso saranno cumulati in base al numero di persone assistite; ad esempio,  nel caso in cui i permessi spettino per due persone, i giorni di permesso che il lavoratore maturerà saranno raddoppiati e arriveranno a 36 complessivi (18 per marzo e 18 per aprile).

Analogamente avviene per il lavoratore egli stesso disabile che assiste un altro soggetto disabile: potrà cumulare i permessi a lui complessivamente spettanti per marzo e aprile (3+3+12) con lo stesso numero di giorni di permesso fruibili per l’assistenza all’altro familiare disabile.

Per poter beneficiare dei permessi, i lavoratori che sono già autorizzati alla fruizione non devono presentare una nuova domanda per i 12 giorni aggiuntivi (che va fatta, invece, per chi per la prima volta accede al beneficio): i datori di lavoro infatti dovranno considerare validi i provvedimenti di autorizzazione già emessi e l’estensione agli ulteriori giorni spettanti sarà automatica; il datore comunicherà poi all’Inps le giornate fruite con il flusso Uniemens.

C’è solo un limite alla fruizione per una particolare categoria di lavoratori: il personale sanitario, al quale la concessione non è dovuta come diritto pieno ma avviene – stabilisce il decreto Cura Italia – «compatibilmente con le esigenze organizzative delle aziende ed enti del Servizio sanitario nazionale impegnati nell’emergenza COVID-19 e del comparto sanità».


note

[1] Art. 24, comma 1 Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18: “Il numero di giorni di permesso retribuito coperto da contribuzione figurativa di cui all’articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, è incrementato di ulteriori complessive dodici giornate usufruibili nei mesi di marzo e aprile 2020”.

[2] Circolare Inps n.45/2020 del 25 marzo 2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube