Cronaca | News

Il coronavirus resta l’ultima causa di morte nel mondo

8 Aprile 2020 | Autore:
Il coronavirus resta l’ultima causa di morte nel mondo

La maggior parte dei decessi del primo trimestre 2020 sono stati provocati dalla fame, dai tumori e dal fumo. Il Covid-19, solo al decimo posto.

È l’emergenza sanitaria del momento, e su questo non c’è dubbio. Ma non per questo è la minaccia più importante per l’Umanità. Nei primi tre mesi del 2020, dal 1° gennaio al 1° aprile, il coronavirus resta l’ultima causa di morte nel mondo. Basta guardare i numeri che scorrono impietosi e a velocità supersonica sul sito Worldometer, tra i principali e più affidabili punti di riferimento statistici a livello mondiale che si basa su fonti ufficiali, dall’Oms all’Unicef ad altri organismi internazionali di diversi settori. Qui, c’è una panoramica di quello che succede in tempo reale, dal numero di sigarette che si stanno consumando in questo momento ai cellulari che vengono venduti, dalla quantità di e-mail in partenza e in arrivo a quanti soldi sono spesi nel traffico di stupefacenti o a quanti giorni mancano alla fine del carbone. Fino ad arrivare ai dati demografici: quanti bambini stanno nascendo, quante persone stanno morendo. E perché. Con un approfondimento, appunto, sul coronavirus.

La principale causa di mortalità al mondo nel primo trimestre del 2020 è quella di cui meno si parla, cioè la fame: 2.806.314 decessi. Sono 800mila in più rispetto alle morti per tumore, arrivate a 2.060.730 unità. Quest’ultimo dato non tiene conto, però, dei decessi causati dal fumo, che occupano il gradino più basso di questo triste podio con 1.254.352 casi. Aggiungiamo questo dato: in appena mezza giornata, vengono fumate mediamente otto miliardi di sigarette.

Al quarto posto, ci sono i decessi provocati dall’alcol: 627.517 persone hanno perso la vita per i problemi di dipendenza alla bottiglia. Problemi esclusivamente legati alla salute e non agli incidenti stradali che possono essere stati causati dall’abuso di alcolici. Il totale delle vite umane finite per strada è di 338.715. Tra questi due dati si colloca quello delle morti per Hiv e Aids: 421.808 decessi.

Ed eccoci alle ultime quattro cause rilevanti di mortalità nel mondo durante i primi tre mesi del 2020. Spicca il dato dei suicidi: 269.976. Poco più alto di quello sui morti di malaria, fermo il 31 marzo a 246.121 casi. Quindi, ecco il numero dei decessi provocati dall’influenza stagionale in tutto il mondo: nel primo trimestre, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità sono stati 121.993. Molto più del doppio rispetto ai decessi causati dal coronavirus, che a fine marzo chiudeva la drammatica top-ten delle cause di mortalità mondiale a quota 46.438 casi. All’8 aprile si è già arrivati a quasi 83mila casi: siamo ancora ben lontani dalle altre cause di mortalità che, purtroppo, continuano comunque a uccidere.

Segnaliamo, infine, un altro dato che sicuramente colpisce per le sue dimensioni. Riguarda il numero di aborti: 10.665.130 nel primo trimestre dell’anno. Una settimana dopo, cioè al momento di scrivere queste righe, la cifra è aumentata di un altro milione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Perchè c’è la quarantena. Senza quarantena quanti sarebbero i morti? Io ne ho calcolati 40mila solo in 3 mesi. 😮 minimo 160mila all’anno. Però senza calcolare una crescita esponenziale. Con crescita esponenziale 500mila morti in un anno in Italy… Meno male c’è il distanziamento sociale.. altrimenti leggeresti altri numeri

    1. Ma cosa dici che il contagio è passato dalla strada alle case! Pensi che uscendo a buttare l’immondizia o a fare la spesa non ti prendi il virus infettando chi vive con te? E quando poi vai di nuovo a fare la spesa (o qualche tuo familiare) non infetti quello che tocchi e chi lo tocca dopo di te non se lo prende il virus? Un minimo di pensiero logico prima di scrivere.

    2. Dovrebbero chiamare te al governo allora se sai fare i calcoli così bene…. 500.000 morti….. ahahahah

      1. Due mesi di isolamento totale in casa di riposo e ora scoppia il contagio, ma allora l’isolamento????

  2. Dati O.M.S. ad oggi 3 maggio 2020:
    decessi influenza stagionale nel mondo: 121.993;
    decessi a causa coronavirus nel mondo: 83.000.
    Da qui ad arrivare a 650.000 decessi del 2019 ce ne vuole.
    Dati aggiornati all’8 aprile 2020.
    Con questi dati dove sta la pandemia? Boh!
    Meglio agli arresti domiciliari!
    Maledetto imbroglio. Poveri noi!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube