Coronavirus: ecco tutti i sintomi della malattia

8 Aprile 2020 | Autore:
Coronavirus: ecco tutti i sintomi della malattia

Un nuovo studio italiano rivela altri segnali del Covid-19.

I sintomi del Coronavirus non sono solo febbre, tosse, inappetenza, perdita di gusto e olfatto. Gli scienziati, con il passare del tempo, registrano e studiano sempre più spesso anche altri ‘segnali’ della malattia, come quelli gastrointestinali. A rivelarlo è uno studio italiano, condotto da ricercatori dell’Università Sapienza e Tor vergata di Roma, pubblicato sul ‘Cureus journal of medical science’ – che ritiene questi sintomi una importante ‘spia’ del coronavirus, dal momento che in alcuni casi compaiono prima ancora dei classici problemi respiratori o addirittura restano gli unici sintomi di Covid-19. Da qui l’invito dei ricercatori a non sottovalutarne la comparsa, come spesso accade per qualsiasi patologia.

Massimiliano Cipriano del Dipartimento di Chirurgia laparoscopica del Policlinico Umberto I di Roma è l’autore dello studio insieme a Enzo Ruberti, del Dipartimento di Neurologia della Sapienza di Roma e ad Andrea Giacalone del Dipartimento di Ingegneria industriale dell’università capitolina di Tor Vergata.

Come riporta una nota stampa dell’Adnkronos, Massimiliano Cipriano afferma che “Prima della manifestazione dei sintomi respiratori, una parte significativa dei pazienti con Covid-19 può presentare diarrea, nausea, vomito e fastidio addominale pertanto i medici dovrebbero valutare sempre la presenza di questi sintomi nelle persone che sono state a contatto con un paziente positivo per Covid-19 o potenzialmente a rischio di averlo contratto enon fermarsi alla presenza o all’assenza dei sintomi respiratori” anche perché, sostiene, “in alcuni casi potrebbe essere il solo sintomo della malattia”.

Massimiliano Cipriano sottolinea l’importanza di monitorare i pazienti con disturbi gastrointestinali iniziali affinché si possa diagnosticare il contagio e giocare d’anticipo, iniziando subito le cure e la quarantena per controllare la diffusione del virus.

Non solo. I dati analizzati dalla ricerca hanno dimostrato inoltre chel’Rna virale è presente nelle feci di individui infetti e che può persistere anche dopo la scomparsa dei sintomi respiratori e quando i tamponi oro-faringei risultano negativi. “Questi risultati evidenzianola possibilità di un contagio oro-fecale anche quando il virus è scomparso dal tratto respiratorio”, sottolineano i ricercatori e pertanto, “se l’ipotesi fosse confermata, la ricerca del virus nelle feci potrebbe rivelarsi ancora più efficace nel segnalare la definitiva scomparsa del virus dall’organismo limitando così la possibilità di ulteriori fonti di contagio per la comunità”, concludono.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube