L’esperto | Articoli

Obblighi datore di lavoro: ultime sentenze

7 Maggio 2020
Obblighi datore di lavoro: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: obbligo di formazione dei lavoratori; obblighi del datore di lavoro; responsabilità contrattuale del datore di lavoro; azione risarcitoria dei danni provocati da comportamenti vessatori dei superiori gerarchici o dei colleghi di lavoro; responsabilità extracontrattuale per mobbing; sicurezza nei luoghi di lavoro; inadempimento degli obblighi del datore di lavoro; distribuzione dell’onere probatorio tra il danneggiato e il datore di lavoro.

Gli obblighi del datore di lavoro

In tema di sanzioni disciplinari, è estraneo all’area di attuazione dell’art. 7, comma 1, della l. n. 300 del 1970, l’obbligo del datore di lavoro di portare a conoscenza dei lavoratori, mediante affissione in luogo accessibile a tutti, il contenuto dell’art. 173 del c.c.n.l. commercio per i dipendenti da aziende del terziario, della distribuzione e dei servizi, concernente l’equiparazione dell’omessa comunicazione della malattia all’assenza giustificata, in quanto, soddisfatto l’onere datoriale di pubblicità in ordine al rilievo disciplinare dell’assenza ingiustificata, la conoscenza dell’esatta portata dell’obbligo di giustificazione dell’assenza rientra, invece, tra gli oneri del lavoratore, nell’ambito dei generali doveri di diligenza e di informazione scaturenti dal rapporto di lavoro.

Cassazione civile sez. lav., 27/09/2018, n.23345

Normativa antinfortunistica

In tema di sicurezza nei luoghi di lavoro, sussiste continuità normativa tra l’art. 4 d.lg. n. 626/1994 (concernente gli obblighi del datore di lavoro, del dirigente e del preposto) – ancorché formalmente abrogato dall’art. 304 d.lg. n. 81/2008 (Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro) – e la vigente normativa antinfortunistica, considerato che il contenuto delle predette disposizioni risulta recepito dagli artt. 28 e 29 d.lg. n. 81/2008, in relazione ai rischi aziendali ed alle modalità di effettuazione della relativa valutazione, disposizioni che tutelano penalmente le predette cautele antinfortunistiche.

Cassazione penale sez. III, 15/05/2013, n.26420

Obblighi del datore di lavoro in materia antinfortunistica

In tema di sicurezza sul lavoro, ai sensi dell’art. 73, commi 1 e 2, lett. b), d.lg. 9 aprile 2008, n. 81, il datore di lavoro è tenuto ad informare il lavoratore dei rischi propri dell’attività cui è preposto e di quelli che possono derivare dall’esecuzione di operazioni da parte di altri, ove interferenti, ed è obbligato a mettere a disposizione dei lavoratori, per ciascuna attrezzatura, ogni informazione e istruzione d’uso necessaria alla salvaguardia dell’incolumità, anche se relative a strumenti non usati normalmente. Il datore di lavoro, destinatario delle norme antinfortunistiche, è esonerato da responsabilità solo quando il comportamento del dipendente sia abnorme, dovendo definirsi tale il comportamento imprudente del lavoratore che sia stato posto in essere del tutto autonomamente e in un ambito estraneo alle mansioni affidategli – e, pertanto, al di fuori di ogni prevedibilità per il datore di lavoro – o rientri nelle mansioni che gli sono proprie ma sia consistito in qualcosa radicalmente, ontologicamente, lontano dalle ipotizzabili e, quindi, prevedibili, imprudenti scelte del lavoratore nella esecuzione del lavoro.

Cassazione penale sez. IV, 17/05/2019, n.30991

Il controllo datoriale sul corretto operato del dipendente

In tema di diritti ed obblighi del datore di lavoro e del lavoratore,  il controllo sul corretto adempimento della prestazione lavorativa non può configurarsi quale diritto del lavoratore o quale onere del datore di lavoro strumentale all’esercizio del potere disciplinare. Un tale obbligo od onere non è neppure evincibile dalle clausole generali di correttezza e buona fede ex art. 1175 e 1375 cc.. Resta quindi fermo il principio che il controllo datoriale sul corretto operato del dipendente è un potere, il cui esercizio dipende da una scelta discrezionale del datore di lavoro.

Tribunale Pesaro sez. lav., 20/03/2018, n.54

Inadempienze agli obblighi del datore di lavoro 

L’azione di risarcimento del danno, anche biologico, derivante da inadempienze agli obblighi del datore di lavoro nei confronti di un agente della Polizia Penitenziaria, compromesso e infine cessato a causa dell’attività di mobbing posta in essere da organi dell’Amministrazione di appartenenza, va inquadrata nell’ambito della responsabilità contrattuale del datore di lavoro, ex art. 2087 c.c. ed è, dunque, riconducibile all’Amministrazione penitenziaria che, in virtù del principio di immedesimazione organica, risponde direttamente anche per i fatti lesivi posti in essere da parte dei suoi organi. In coerenza con tale impostazione, la domanda di condanna al risarcimento del danno va rivolta nei soli confronti dell’Amministrazione penitenziaria.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. I, 28/06/2016, n.7494

Intermediazione e interposizione nelle prestazioni di lavoro

Ai sensi dell’art. 1, ultimo comma, della l. n. 1369 del 1960 (nel testo vigente “ratione temporis”) i lavoratori occupati in violazione del divieto di intermediazione di manodopera si considerano alle dipendenze dell’appaltante (o interponente) che ne abbia utilizzato effettivamente le prestazioni, sul quale ricadono pertanto in via esclusiva tutti gli obblighi del datore di lavoro, compreso quello di operare le ritenute di acconto sulle retribuzioni: ne deriva che la fatturazione di tali prestazioni da parte dell’intermediario non legittima l’appaltante (o interponente) a detrarre l’IVA relativa ad un servizio che la società interposta ha reso solo fittiziamente.

Cassazione civile sez. trib., 05/10/2018, n.24457

Obblighi del datore di lavoro nell’uso di attrezzature per lavori in quota

L’art. 111, comma secondo, d.lg. n. 81 del 2008, che individua gli Obblighi del datore di lavoro nell’uso di attrezzature per lavori in quota, nel prevedere l’obbligo del datore di lavoro di scegliere il tipo più idoneo di sistema di accesso ai posti di lavoro temporanei in quota, specifica, in particolare, che il passaggio da un sistema di accesso a piattaforme, impalcati, passerelle e viceversa non deve comportare rischi ulteriori di caduta; ne consegue che non può ritenersi preclusa al giudice la valutazione della idoneità o meno del sistema di accesso ai posti di lavoro temporanei in quota, ritenendo insufficiente l’adozione di un sistema di scale sfalsate, ove detto sistema, tenuto conto delle prescrizioni da rispettarsi nell’esercizio della discrezionalità insita nella previsione della maggiore idoneità del sistema prescelto, si riveli tecnicamente inidoneo a scongiurare i rischi di caduta ulteriori rispetto alla percentuale di rischio in sé insita nell’utilizzare un sistema di accesso in quota.

Cassazione penale sez. III, 04/11/2015, n.48949.

Danno all’immagine professionale e alla salute del dipendente

Appare più conforme alle linee guida, che emergono dalla sentenza della Corte costituzionale n. 204 del 2004, la posizione della giurisprudenza che qualifica l’azione proposta come riferita alla responsabilità extracontrattuale per mobbing, laddove la stessa è riconducibile, sostanzialmente, a comportamenti vessatori dei superiori gerarchici o dei colleghi di lavoro del dipendente interessato, al di là dei limiti, che la Suprema Corte ha indicato quali parametri di rango costituzionale per la giurisdizione del giudice amministrativo, escludendo da tali parametri la categoria generalizzata dei “comportamenti” (al di fuori della valutazione in via incidentale dei medesimi, ove riconducibili ad una lesione di interessi legittimi, o di diritti soggettivi sussistenti in una materia, che sia oggetto di giurisdizione esclusiva).

La predetta giurisdizione sul risarcimento del danno, anche biologico, derivante da mobbing, sussiste, dunque, nella misura strettamente riconducibile ad un contesto di specifiche inadempienze agli obblighi del datore di lavoro; dette inadempienze possono ravvisarsi in comportamenti omissivi, contraddittori o dilatori dell’amministrazione, ovvero in atti posti in essere in violazione di norme, sulle quali non sussistono incertezze interpretative, o ancora nella reiterazione di atti, anche affetti da mere irregolarità formali, ma dal cui insieme emerga una grave alterazione del rapporto sinallagmatico, tale da determinare un danno all’immagine professionale e alla salute del dipendente.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. I, 26/11/2014, n.11882

L’omessa istituzione del registro dei controlli antincendio

In materia di prevenzione antinfortunistica, non costituisce reato l’omessa istituzione del registro dei controlli antincendio, in quanto non rientra fra gli obblighi del datore di lavoro di cui all’art. 64 d.lg. n. 81 del 2008, la cui violazione integra la contravvenzione punita a mente dell’art. 68 stesso decreto.

Cassazione penale sez. III, 11/12/2013, n.3684

Volazione degli obblighi di sicurezza dei lavoratori

Per la domanda risarcitoria connessa alla violazione degli obblighi di sicurezza dei lavoratori, in relazione alla mancata adeguatezza dei locali dell’ambulatorio, trattandosi di responsabilità contrattuale, relativa al mancato adempimento degli obblighi del datore di lavoro, la distribuzione dell’onere probatorio fra il danneggiato e datore di lavoro deve essere operata in base al base al consolidato orientamento giurisprudenziale, secondo cui grava sul lavoratore l’onere di provare la condotta illecita e il nesso causale tra questa e l’evento patito, mente incombe sul datore di lavoro, in base al principio di inversione dell’ onus probandi di cui all’art. 1218 c.c., il solo onere di provare l’assenza di una colpa a sé riferibile.

T.A.R. Roma, (Lazio) sez. III, 01/10/2012, n.8243

Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro

In tema di sicurezza nei luoghi di lavoro, sussiste continuità normativa tra l’art. 4 D.Lgs. n. 626 del 1994 (concernente gli obblighi del datore di lavoro, del dirigente e del preposto) – ancorché formalmente abrogato dall’art. 304 D.Lgs. n. 81 del 2008 (Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro) – e la vigente normativa antinfortunistica, considerato che il contenuto delle predette disposizioni risulta recepito dagli artt. 28 e 29 D.Lgs. n. 81 del 2008, in relazione ai rischi aziendali ed alle modalità di effettuazione della relativa valutazione, disposizioni che tutelano penalmente le predette cautele antinfortunistiche.

Cassazione penale sez. IV, 12/10/2011, n.42018

Violazione degli obblighi incombenti sul datore di lavoro

La responsabilità della Circumvesuviana per non aver fatto godere ad un proprio dipendente i riposi settimanali discende dalla violazione degli obblighi incombenti sul datore di lavoro, ai sensi dell’art. 36 comma 3, cost. e dell’art. 2109 comma 1, c.c. Si tratta, con ogni evidenza, di inadempimento contrattuale e non di fatto illecito, cui si applica il termine di prescrizione ordinario. D’altra parte, è giurisprudenza consolidata che il danno non patrimoniale, anche di ordine biologico, possa discendere dall’inadempimento degli obblighi del datore di lavoro.

Consiglio di Stato sez. VI, 12/07/2011, n.4188



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube