Cronaca | News

L’Italia chiude i porti ai migranti

8 Aprile 2020
L’Italia chiude i porti ai migranti

Le navi Ong non potranno sbarcare durante l’emergenza Coronavirus perché i porti italiani non sono considerati sicuri: lo prevede un decreto interministeriale.

Da oggi, le navi straniere, come quelle delle Ong (organizzazioni non governative) con a bordo migranti, non potranno più sbarcare nei porti italiani fino a quando non sarà cessata l’emergenza Coronavirus.

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in un comunicato ufficiale emanato in merito alla richiesta di soccorso della nave Alan Kurdi, diffuso attraverso l’Adnkronos, conferma “l’impossibilità di garantire porti sicuri in Italia a navi battenti bandiera straniera”.

“Attualmente, a causa dell’emergenza pandemica Covid-19, i porti – si legge nella nota ministeriale – non presentano più i necessari requisiti sanitari richiesti dalla convenzione di Amburgo. È quanto stabilito nel decreto interministeriale firmato ieri anche dal ministro Paola De Micheli che aveva già assunto decisioni analoghe per le navi da crociera e le navi passeggeri battenti bandiera straniera”.

Il ministero spiega che il nuovo decreto è “ispirato ai principi di tutela della salute dei passeggeri e di eguaglianza di trattamento dei cittadini italiani ai quali le attuali ordinanze hanno impedito anche lo spostamento da un comune all’altro e dettato norme stringenti per il rientro dai Paesi esteri”.

Perciò al governo tedesco, in qualità di Stato di bandiera della nave Ong Alan Kurdi – sottolinea il Mit – “è stato chiesto di assumere la responsabilità di ogni attività in mare, compreso il porto di sbarco, della Alan Kurdi che in questo momento, oltretutto, non è ancora entrata in acque territoriali italiane”. .

Il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia, pur non volendo entrare nel merito della vicenda Alan Kurdi, spiega alla nostra agenzia stampa Adnkronos che: “Stiamo vivendo una situazione d’emergenza senza precedenti, da ora in poi – risolto il caso Alan Kurdi – bisogna decidere come operare. Se arriva una nave con 200-500 migranti a bordo non possiamo mettere in piedi un sistema di quarantena su navi private”.

“Le Ong hanno salvato delle vite in mare? Ok – dice Sibilia, avanzando una sua proposta – se la destinazione più vicina siamo noi, allora si entra in porto, ma la quarantena dei richiedenti asilo va fatta sulla stessa nave della Ong che ha prestato soccorso. È questa la soluzione da mettere in campo”.

Intanto il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, rispondendo al question time alla Camera a una domanda sui migranti e l’emergenza Coronavirus afferma che: “Per i migranti nelle strutture del sistema di accoglienza, fin dall’inizio dell’emergenza, è stata richiamata l’attenzione degli enti locali e degli enti gestori sull’assoluta necessità di applicare le misure di prevenzione e di contenimento. Perciò vanno garantiti i comportamenti da tenere, le prescrizioni igienico-sanitarie da adottare, le rigorose limitazioni degli spostamenti”.

Riguardo all’arrivo di migranti in Italia “è stata richiamata l’attenzione – prosegue Lamorgese – sulla necessità di sottoporre gli stessi allo screening delle autorità sanitarie per la successiva applicazione delle misure di sorveglianza sanitaria“. “È stata evidenziata la necessità di individuare spazi nei centri o nelle strutture da destinare, in caso di necessità, all’applicazione di misure di sorveglianza sanitaria”, conclude il ministro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Questo governo fa ridere i polli, ricordiamoci che ha santificato la Rakete che ha speronato la motovedetta dell’esercito. Questa non è stata né condannata né gli hanno tolto il brevetto nautico mentre agli italiani per qualsiasi cosa prigione sospensione o revoca patente. Riprendiamoci la libertà costi quel che costi

  2. Nel caso Rakete, chi ha omesso di procedere a suo carico ha commesso un reato e pertanto va perseguito a norma di legge.
    Il giudice che vuol processare Salvini doveva procedere lui ?
    Penso di si. È successo nella sua giurisdizione.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube