Coronavirus, tutti gli organi che può colpire

8 Aprile 2020
Coronavirus, tutti gli organi che può colpire

Non solo polmoni. Anche altre aree delicate del nostro organismo possono essere infettate dal Covid-19. 

Del cuore avevamo già parlato: si sono registrati casi di pazienti malati di Coronavirus che hanno avuto un’infezione al miocardio, la membrana che costituisce il muscolo cardiaco, anziché ai polmoni come ci si sarebbe aspettato (leggi l’articolo: Coronavirus e problemi al cuore, può esserci un legame). Anche gli effetti sul cervello sono in corso di studi e anche a questi, per quel poco che sappiamo, avevamo accennato (leggi l’articolo: Il Coronavirus colpisce il cervello?). Ma il Covid-19, in casi rari, può colpire anche altri organi, come i reni, lo stomaco, il fegato, il pancreas. Ne parla oggi il Corriere della Sera.

I medici cinesi se ne erano già accorti, anche se si tratterebbe di casi molto meno frequenti, rispetto all’infezione polmonare. Hanno notato un 27 per cento di insufficienze renali, specie se il paziente è anziano o soffre di altre patologie. “Le carenze di cui siamo preoccupati – scrive un gruppo di medici inglesi in una nota pubblicata dal Financial Times – vanno ben oltre la mancanza di ventilatori o disposizioni di protezione. A Londra si stanno esaurendo le attrezzature vitali per le terapie intensive comprese le macchine per la dialisi“. I dati a disposizione dei medici inglesi che hanno scritto la nota, come spiega il Corriere, dicono che su 690 pazienti del Regno Unito ricoverati in terapia intensiva il 25% ha avuto bisogno di un supporto cardiovascolare avanzato, il 18,5% ha richiesto dialisi, il 4,5% supporto neurologico.

Ci sono poi altri studi che ci informano di come il Coronavirus possa, in casi minoritari, interessare altri organi. Uno è lo stomaco, provocando sintomi come diarrea o indigestione.

Dei possibili danni al fegato, spiega l’articolo di Cristina Marrone sul Corriere, si è occupato un altro approfondimento scientifico di un’équipe di ricercatori universitari di Wuhan e colleghi tedeschi. Non è chiaro però se a danneggiare l’organo sia direttamente il virus o i medicinali che si stanno utilizzando per fermarlo. Si tratterebbe di danni spesso lievi, gravi solo in casi ancora più rari, in cui può manifestarsi un’insufficienza epatica.

Specifiche complicazioni riguardanti il pancreas potrebbero verificarsi invece nei pazienti diabetici: è il pancreas l’organo che produce l’insulina e i diabetici ne sono carenti.

In corso anche gli studi sulle conseguenze che il Coronavirus potrebbe avere sul cervello. La perdita dell’olfatto e del gusto, per esempio, che, in realtà, più che come conseguenza, risulta tra i sintomi. I medici cinesi stanno cercando di approfondire; in merito sono stati già pubblicati due studi sul Journal of Clinical Virology e su Chemical Neuroscience. Alcuni pazienti hanno lamentato effetti molto seri, come ictus, convulsioni, delirio, in Italia come altrove. “Proprio su questo fronte – informa il Corriere – all’ospedale Civile di Brescia è stato aperto un centro Neuro-Covid attivo dallo scorso 23 marzo e che ospita al momento 60 pazienti. Non sono degenti normali, ma quelli che hanno avuto sintomi da disturbi mentali, crisi epilettiche o forti mal di testa e sono risultati positivi al virus. Non è ancora stato possibile documentare se il virus può davvero influenzare il cervello”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube